Gravidanza in estate: ghiaccioli contro la nausea e il caldo

La nausea è uno degli “effetti collaterali” più fastidiosi della gravidanza che rischia di essere acuito dal caldo estivo: per contrastarlo, le future mamme possono gustare innovativi ghiaccioli naturali

da , il

    Gravidanza, ghiaccioli contro la nausea

    Entra di diritto nella top ten dei disturbi più insopportabili della dolce attesa: è la nausea, che, complice l’estate, il caldo, l’umidità e le temperature “ballerine” rischia di essere ancora meno tollerabile del solito. Per contrastarla efficacemente, tenendo a bada anche afa e calura, la futura mamma può ricorrere a ghiaccioli speciali, naturali al cento per cento e ideati appositamente allo scopo.

    Sono ben sei su dieci le donne che si ritrovano alla prese con il pancione che cresce e la nausea che lo segue quasi di pari passo. Durante l’estate, questo senso di nausea, di inappetenza e di malessere può solo essere evidenziato e acuito dalla condizioni climatiche: per scongiurare il fenomeno, gli alleati delle donne in dolce attesa sono i ghiaccioli Lollipops, prodotti naturali pensati e messi a punto da una mamma per le sue “colleghe”.

    “Si tratta di una soluzione molto interessante, perchè non presenta effetti collaterali. Questi prodotti naturali, privi di coloranti, aromi artificiali e dolcificanti, sono stati approvati dalle associazioni scientifiche degli specialisti di tutta Europa. Per questo, oltre a consigliarli, abbiamo deciso di iniziare una sperimentazione in Italia che, iniziata a ottobre 2010, ha coinvolto 10 centri distribuiti in tutta la penisola. I primi dati sono confortanti: l’utilizzo dei ghiaccioli riduce la nausea in gravidanza nella quasi totalità dei casi. In questo periodo stiamo portando a termine nuovi test, i cui risultati verranno presentati in occasione del Congresso Sigo (Società italiana ginecologia ostetricia) – Aogoi (Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani) di Palermo (25-28 settembre), che vedrà riuniti nella capitale siciliana oltre 3.000 ginecologi da tutta Italia” ha osservato il professor Antonio Chiantera, segretario nazionale Aogoi.