Gran Bretagna: viagra venduto come farmaco da banco, è la prima volta

Il viagra, la famosa pillola blu, dalla prossima primavera sarà venduto come farmaco da banco in tutte la farmacie della Gran Bretagna. La decisione è arrivata per mettere un freno alla vendita online di pillole contraffatte, che possono mettere a rischio la salute dei pazienti.

da , il

    viagra_diventa_farmaco_da_banco

    Per la prima volta al mondo il viagra sarà venduto come farmaco da banco: la notizia è di questi giorni e a deciderlo è stata la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency britannica, che ha riclassificato il viagra e ne ha reso disponibile la vendita come farmaco da banco in tutta la Gran Bretagna. Alla base della decisione c’è il tentativo di evitare il ricorso alla vendita online del viagra, che spesso significa ricevere pillole contraffatte o contaminate, anche pericolose per la salute; il provvedimento sarà attivo tra qualche mese e, dalla prossima primavera, il viagra sarà acquistabile nelle farmacie britanniche nella nuova versione denominata “Viagra Connect”.

    Viagra come farmaco da banco: è la prima volta al mondo

    Si tratta ovviamente di una decisione dalla portata storica, che l’agenzia regolatoria britannica commenta così: “Far diventare questa medicina più disponibile aiuterà direttamente quegli uomini che altrimenti non si sarebbero rivolti al sistema sanitario, tenendoli lontani dai rischi dell’acquisto di farmaci sui siti web che operano illegalmente”.

    Comprare il viagra online è purtroppo una pratica piuttosto diffusa, non solo in Gran Bretagna, che mette a rischio il paziente per almeno due motivi: innanzitutto, è molto probabile vedersi recapitare delle pillole contraffatte, che non hanno niente a che fare col viagra e che possono essere inutili o dannose per la salute; recentemente, alcuni consumatori si sono visti recapitare un farmaco che è risultato essere contaminato da veleno per topi.

    In secondo luogo, assumere farmaci senza la supervisione di un medico o di un farmacista, può portare ad effetti collaterali anche molto gravi; nella nota dell’agenzia britannica, infatti, si legge che “il farmaco non sarà venduto a chi ha problemi cardiovascolari gravi e alle persone con un alto rischio cardiaco, a chi ha insufficienza epatica o renale e a chi sta prendendo alcuni farmaci che possono interagire. L’uso in questi gruppi deve continuare ad avere la supervisione di un medico”.

    Viagra Connect, la nuova versione della pillola blu

    Il viagra, nella sua nuova versione, si chiamerà “Viagra Connect” e avrà una composizione di 50 mg di principio attivo. Il ruolo del farmacista diventa quindi fondamentale: sarà compito suo informare il paziente in modo dettagliato sull’uso e sugli effetti collaterali della pillola blu; sarà sempre il farmacista che valuterà, dopo un confronto col paziente, se il trattamento è appropriato per lui o se è il caso che si consulti prima con il proprio medico.

    Viagra venduto al banco, le reazioni

    Non tutti sono convinti della bontà di questa iniziativa e il presidente della Società Italiana di Andrologia Alessandro Palmieri, commenta così la decisione britannica: “Il metodo italiano è migliore, il farmaco va dato su prescrizione e sotto il controllo medico. Ci sono delle controindicazioni che sono limitate ma vanno vagliate e il farmacista non ha gli strumenti per dire, ad esempio, se il paziente sta assumendo nitrati.”