Glutine nascosto: gli alimenti e le bevande che possono contenerlo

Nonostante la ricerca scientifica faccia numerosi passi avanti nel campo della celiachia, al momento l’unica terapia davvero efficace rimane l'evitare gli alimenti e le bevande senza glutine. Purtroppo, seguire una dieta esclusivamente gluten free non è così facile come sembra e per questo è necessario capire dove potrebbe effettivamente nascondersi.

da , il

    Glutine nascosto gli alimenti e le bevande che possono contenerlo

    Glutine nascosto: quali sono gli alimenti e le bevande che possono contenerlo? Il glutine è una componente proteica del frumento e presente in alcune varietà di cereali quali farro, spelta, triticale, orzo e segale. Di conseguenza, si trova in tutti gli alimenti prodotti con questi tipi di cereali, come pane, pasta, farina, pizza e biscotti ed in genere tutti i prodotti da forno. Chi è intollerante al glutine ha imparato ad evitarlo, a scegliere i cibi giusti e quali ingredienti selezionare con maggiore attenzione. Eppure, è possibile che piccole quantità di glutine non vengano palesemente dichiarate o che ci siano state delle contaminazione alimentari. Il glutine, infatti, si nasconde anche in quei prodotti che, in teoria, non dovrebbero contenerlo, perché è presente in addensanti, conservanti e tra gli aromatizzanti. Vediamo allora come evitarlo.

    Dado

    dado vegetale con glutine

    Il glutine può essere presente nel dado vegetale sotto il nome di aromi naturali o glutammato monosodico. Per poter utilizzare un dado che sia veramente senza glutine, la confezione dovrà riportare la dicitura “gluten free”. Tuttavia, per essere davvero sicuri di non avere brutte sorprese col prodotto è consigliato prepararselo in casa.

    Ketchup

    ketchup con glutine

    Le salse da condimento, come il ketchup (ma anche maionese, senape e altri) sono considerati alimenti a rischio per i celiaci, infatti, il glutine potrebbe essere nascosto in alimenti insospettabili come il ketchup sotto forma di ingrediente stabilizzante o addensante.

    Succhi di frutta

    succhi di frutta con glutine

    In genere, se addizionati con vitamine o altre sostanze, come le fibre, i succhi di frutti sono bevande che possono nascondere il glutine, e quindi si suggerisce di verificare la presenza della dicitura “senza glutine” sull’etichetta o il riferimento nel Prontuario AIC. Se invece non contengono questi ingredienti, il prodotto è sicuro, di qualsiasi marca o produttore si tratti.

    Salsa di soia

    salsa di soia con glutine

    La soia, essendo un legume, non contiene glutine e quindi può essere immessa nella dieta dei celiaci. Ma i numerosi prodotti derivati dalla soia spesso contengono il glutine perchè presente in altri ingredienti, nonché addensanti e aromi vari, generalmente vietati per i celiaci. In particolare, nella ricetta della salsa di soia, si prevede la farina (spesso di grano) come addensante, un prodotto sempre vietato tranne quando esplicitamente senza glutine.

    Lievito per dolci

    lievito per dolci con glutine

    Il lievito per dolci può nascondere il glutine, ma può anche esserne sprovvisto. Se è lievito secco, o in bustina, è necessario accertarsi che sia riportata la dicitura senza glutine sulla confezione. Invece, per quanto riguarda il lievito di birra fresco, in panetto, va sempre bene nella dieta celiaca.

    Curry

    curry con glutine

    Nella sua formulazione classica, il curry non contiene glutine e non è a rischio per il celiaco, in quanto consiste in una miscela di sole spezie. Tuttavia, è possibile che oltre alle spezie e al sale sia presente anche altro. Se nell’etichetta vengono citati altri componenti quali aromi, amidi, fecole, additivi, e così via, l’alimento rientra nella categoria degli alimenti che possono nascondere il glutine. La sicurezza, quindi, può essere data solo dal claim senza glutine.

    Zucchero a velo

    zucchero a velo con glutine

    Lo zucchero a velo può essere considerato a rischio e contenere il glutine, se è stato aromatizzato. Anche in questo caso, il via libera può coincidere solo con la presenza della dicitura “senza glutine” sulla confezione. Tuttavia, molte marche evitano il glutine nelle loro formulazioni, come lo zucchero a velo di Baule Volante, Cannamela, Eridania, La Dolciaria e Pedon, presenti in Prontuario.

    Risotto in busta

    risotto pronto con glutine

    Nonostante il riso sia in natura un alimento privo di glutine, il risotto in busta, già pronto, può essere stato contaminato dal glutine, sia durante il processo di produzione, che dalla presenza di altri ingredienti presenti nella preparazione. Inoltre, così come altri alimenti pronti, prevede l’uso di molti aromi e insaporitori, che sono tra i prodotti che per eccellenza nascondono al loro interno il glutine.

    Surimi

    surimi con glutine

    Il surimi è, in teoria, un alimento a base di polpa di granchio, che ha poco o nulla del granchio. Il suo sapore, infatti, viene creato industrialmente dall’impiego di numerosi aromi artificiali e additivi per migliorarne sapore e aspetto. Per questo motivo, i celiaci dovrebbero evitare il surimi perchè può, molto probabilmente, nascondere elevate quantità di glutine.

    Cioccolato

    cioccolato con glutine

    In tempi recenti, molte aziende produttrici hanno cominciato a commercializzare cioccolato palesemente indicato come senza glutine. Tuttavia, è importante porre particolare attenzione ai cioccolatini sfuso, in particolare le praline, che possono contenere o comunque essere contaminati con la farina di grano.

    Affettati

    affettati con glutine

    Gli affettati, soprattutto quelli pre-confezionati, possono nascondere il glutine sotto forma dell’amido di mais modificato. Tuttavia, non ne sono esenti anche gli affettati freschi acquistati in negozio, specie se non dichiarati gluten free, i quali durante la giornata possono venir contaminati da altri affettati con il glutine, come la mortadella con il pistacchio.

    Alcolici

    alcolici con glutine

    Non tutto l’alcol contiene glutine, però molte birre e alcune bevande alcoliche presentano tra i loro ingredienti l’orzo, il malto, le proteine del grano idrolizzate e gli aromatizzanti. Questo mix di ingredienti è ovviamente da evitare per chi non vuole assumere del glutine.

    È inoltre stato dimostrato che il processo di fermentazione e distillazione dell’alcol non elimina il glutine perchè non ha effetto sulla proteina di grano e orzo. Per questo alcuni celiaci non tollerano alcol ricavato dall’orzo come la vodka.