Gli studi sulle malattie rare vengono eseguiti anche dall’esercito

Gli studi sulle malattie rare vengono eseguiti anche dall’esercito

L'Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, struttura molto importante dell'Agenzia Industrie Difese, aiuta la sanità a produrre farmaci per i pazienti affetti da malattie rare

da in Farmaci, Malattie rare, News Salute, Sanità, medicine
Ultimo aggiornamento:

    malattie rare esercito

    Gli studi sulle malattie rare, da circa un decennio, vengono eseguiti anche dall’esercito. Infatti, all’interno di quest’ultimo esiste, da tantissimo tempo, una sezione dedicata alla chimica farmaceutica il cui fine è quello di produrre i farmaci necessari per i soldati. Data la necessità di medicinali, per quanto riguarda le malattie rare, gli specialistici farmaceutici produrranno farmaci anche per la popolazione.

    Data la carenza di medicinali, e la mancata produzione, l’Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, struttura molto importante dell’Agenzia Industrie Difesa , ente sotto la vigilanza del Ministero della Difesa. I chimici farmaceutici possono produrre i farmaci necessari, anche per le malattie rare, che il più delle volte le industrie farmaceutiche smettono di fare, dato il numero esiguo di richieste. È anche vero, però, che anche se pochi, i pazienti vi sono, e come tali hanno diritto di curarsi e di avere a disposizione il farmaco.

    Ecco perché l’Istituto Chimico Farmaceutico di Firenze si è fatto carico di questa produzione.

    Quest’ultimo venne fondato nel 1832, a Torino, e già dopo un anno aveva ha disposizione un laboratorio chimico ed un deposito di farmaci per i militari. Da Torino venne trasferito a Firenze, dove si trova tuttora, per produrre medicinali per i militari e per la popolazione civile. Già in passato i chimici avevano fornito quest’ultima di farmaci, ma negli ultimi anni, è molto più frequente. Grazie a loro anche i pazienti colpiti da malattie rare potranno avere i farmaci che gli spettano.

    298

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciMalattie rareNews SaluteSanitàmedicine
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI