Gli sport di resistenza possono causare ad alcune persone dei danni cardiaci

Gli sport di resistenza possono causare ad alcune persone dei danni cardiaci

Un gruppo di studiosi belgi e australiani hanno condotto uno studio scoprendo che gli sport di resistenza, come la maratona, non possono essere praticati da tutti, per non avere dei problemi cardiaci futuri

da in Cuore, News Salute, Prevenzione, Ricerca Medica, Sport, Resistenza
Ultimo aggiornamento:

    sport resistenza danni cardiaci

    Il cuore molte volte è messo a dura prova da fatiche derivanti anche da alcuni sport, che possono causare dei danni. Infatti, non tutte le persone possono seguire attività fisiche di resistenza, come ad esempio la maratona. Quest’ultima si sta diffondendo sempre di più nel mondo; sembrerebbe che tutti, sia giovani che non, si stiano appassionando a questo tipo di sport non accontentandosi più di una semplice camminata o corsa (senza nessun chilometraggio definito e agonistico) per tenersi in forma o solo per stare all’aria aperta.

    Purtroppo, però, alcune persone non si rendono conto che certi sport di fatica e di resistenza, agonistici, possono causare dei danni cardiaci molto importanti. Questi ultimi in molti casi si risolvono in qualche giorno, in altri (circa il 10%) purtroppo permangono. Questo è il risultato di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori australiani e belgi, e pubblicato sull’European Heart Journal. La ricerca ha coinvolto 40 persone, tutte che partecipavano a sport agonistici e faticosi come maratone, ultra-triathlon, triathlon di resistenza, gare di bicicletta in montagna.

    Tutti i partecipanti, molto sportivi, non avevano mai lamentato problemi cardiaci. Gli studiosi hanno eseguito sui volontari degli esami diagnostici (prelievo di sangue, elettrocardiogramma, ecocardiogramma) prima delle gare e dopo una settimana circa di sport.

    I risultati hanno sottolineato come tutti i volontari presentassero il “cuore gonfio” e sofferenza del ventricolo destro; dopo ulteriori sette giorni nella maggior parte dei casi tutto era tornato alla normalità, mentre in altri la sofferenza al ventricolo destro permaneva. Secondo i ricercatori ciò significa che non tutti si possono permettere degli sforzi così intensi, causando, a lungo andare, dei danni cardiaci importanti, nonostante la prestanza fisica e il regolare allenamento. Quindi esercizio fisico si, ma sempre senza esagerare, e soprattutto, alle prime avvisaglie di malessere rivolgersi immediatamente al proprio medico.

    368

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuoreNews SalutePrevenzioneRicerca MedicaSportResistenza
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI