Gli antibiotici da evitare se si soffre di diabete

Gli antibiotici da evitare se si soffre di diabete

Dunque ci si trova davanti ad un farmaco che mostra bene le proprie indicazioni con successi terapeutici sicuramente indubbi, tuttavia, uno studio di Health Canada aveva già sconsigliato tempo addietro l’utilizzo di tale molecola in quei pazienti diabetici a causa della comparsa di effetti collaterali rappresentati da ipo o iper glicemia, sia in pazienti sani ma soprattutto diabetici

da in Antibiotici, Diabete, Farmaci, Malattie, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    diabete

    Una bronchite, una polmonite o, addirittura una broncopolmonite, sono patologie dell’apparato respiratorio che traggono beneficio dall’assunzione di farmaci antibiotici quale è la Gatifloxacina, meglio conosciuto come Tequin che risulta parimenti utile anche nei riguardi di altre patologie quali ad esempio sinusiti e infezioni del tratto alto e/o basso dell’apparato urinario nei due sessi.

    Dunque ci si trova davanti ad un farmaco che mostra bene le proprie indicazioni con successi terapeutici sicuramente indubbi, tuttavia, uno studio di Health Canada aveva già sconsigliato tempo addietro l’utilizzo di tale molecola in quei pazienti diabetici a causa della comparsa di effetti collaterali rappresentati da ipo o iper glicemia, sia in pazienti sani ma soprattutto diabetici.

    Lo studio è stato potenziato con successivi studi paralleli che hanno confermato tale evidenza. Soprattutto ciò da quando Park-Wyllie e colleghi hanno esaminato i pazienti dell’Ontario ( Canada ) di età superiore ai 65 anni, che erano stati visitati in ospedale per ipoglicemia o iperglicemia, ed ai quali era stato prescritto un fluorochinolone per via orale, una cefalosporina di seconda generazione o un macrolide, durante il mese precedente.

    Ebbene i pazienti che sono maggiormente incorsi nell’iperglicemia erano quattro volte più numerosi se trattati con Gatifloxacina anzicchè con un macrolide ed il fatto assume una maggiore valenza se si considera che la metà di tali pazienti è dovuto essere ricoverato per i postumi degli effetti subiti ed almeno trenta di loro sono deceduti; da ricordare che la distanza di tempo fra il ricovero e la prima assunzione dell’antibiotico è stata di poco meno di una settimana. C’è da dire che anche altri antibiotici presentano effetti avversi nei diabetici, ricordiamo il caso della Levofloxacina, il Tavanic per capirci, ma in questo caso si è assistito ad episodi di ipoglicemia piuttosto che di iperglicemia.

    Resistenza insulinica si è invece evidenziata in pazienti diabetici dopo assunzione di antibiotici quali Gatifloxacina ( 1.1% ), seguita dalla Ciprofloxacina ( 0.3% ), Levofloxacina ( 0.3% ), Moxifloxacina e cefalosporine di seconda generazione ( entrambe 0.2% ) e, per ultimi, i macrolidi ( 0.1% ), a distanza di trenta giorni dalla prima assunzione.

    Dunque, ai pazienti diabetici non dovrebbe essere prescritto l’antibiotico Gatifloxacina, e la Levofloxacina dovrebbe essere impiegata con cautela. ( Xagena2006 )

    Fonte: Canadian Medical Association Journal, 2006

    Endo2006 Inf2006 Farma2006

    424

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntibioticiDiabeteFarmaciMalattiePrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI