Giornata Mondiale del Diabete: i controlli gratuiti in piazza

Giornata Mondiale del Diabete: i controlli gratuiti in piazza

La Giornata Mondiale del diabete del 14 novembre è alle porte e anche l’Italia si mobilita: controlli e visite gratuite in circa 500 piazze italiane per tutto il fine settimana

da in Diabete, Prevenzione, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    giornata mondiale del diabete

    Dieta equilibrata, allenamento costante e controlli periodici: sembrano essere questi gli ingredienti per battere davvero sul tempo il diabete, come recita uno degli slogan lanciati in occasione dell’imminente Giornata Mondiale del Diabete, in programma in ben 160 Paesi il 14 novembre. Un giornata per informare e sensibilizzare sulla malattia e sull’importanza della prevenzione, ma anche un fine settimana per scendere in piazza, per ricevere consulenze e controlli gratuiti della glicemia dagli esperti.

    500 le piazze italiane che si trasformeranno per questo week end, il 12 e il 13 novembre, in un ambulatorio a cielo aperto, per offrire, grazie alla disponibilità di medici diabetologi e volontari, all’impegno di Diabete Italia, consulenze, visite e controlli gratuiti della glicemia.

    I costi sociali, umani ed economici del diabete sono immensi: in Italia sono circa 3 milioni gli adulti diabetici. La fetta di connazionali affetti da diabete di tipo 2 è più ampia rispetto a quelli che soffrono di diabete giovanile, o di tipo 1. Una fetta facilmente ridimensionabile, mettendo in pratica alcune regole di prevenzione. Infatti, il diabete di tipo 2 si potrebbe facilmente tenere alla larga, adottando stili di vita salutari, fatti di alimentazione equilibrata e sport.


    Per lanciare il messaggio forte e chiaro a tutti i cittadini, nelle 500 piazze italiane coinvolte nell’iniziativa di questo fine settimana, è previsto l’allestimento di presidi diabetologici dove volontari, medici, operatori sanitari e infermieri distribuiranno materiale informativo, garantiranno una consulenza medica qualificata e l’esame della glicemia. Inoltre, tutti gli interessati potranno compilare un questionario diagnostico per scoprire la percentuale di rischio diabete nell’arco dei prossimi dieci anni.

    334

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DiabetePrevenzioneSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI