NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Ginnastica: la sperimentazione trentina

Ginnastica: la sperimentazione trentina

L'insegnamento dell'educazione fisica richiede competenza tanto quanto un istruttore privato deve possedere un documento che attesti di aver imparato a insegnare lo sport, cosi' deve essere per un maestro, al quale e' data in alcuni casi la possibilita' di frequentare i corsi del Coni per adeguarsi alle nuove formule formative

da in Bambini, Benessere, Movimento, Sanità, Sport
Ultimo aggiornamento:

    Sport

    Sport

    Nella scuola primaria del Trentino, a titolo di sperimentazione, saranno impiegati per le attivita’ di educazione motoria, degli insegnanti delle scuole medie e superiori; la sperimentazione e’ stata avviata in questo anno a partire dal mese di Marzo scorso, allo scopo di introdurre un insegnamento piu’ qualificato nell’ultimo anno di scuola elementare.

    Il principio su cui si basa una sperimentazione di questo genere e’ che, l’insegnante di educazione fisica specializzato, riesce a fornire degli elementi in piu’, dovuti alla sua preparazione specifica, che supera la preparazione di un insegnante non specializzato, che ha solo un diploma di scuola media superiore magistrale o una laurea dell’area psico-pedagogica.

    Il titolo specifico, c’e’ da chiedersi, garantisce una migliore preparazione anche per i bambini del primo ciclo scolastico, riferendosi alla ginnastica, o sarebbe preferibile che i bambini ricevano una preparazione globale piu’ di stampo pedagogico che specialistico?

    Certo e’ che questo precedente, che non ha pari in Italia, puo’ far pensare al bisogno di certezze e di conferme espresso da chi si occupa di organizzare il sistema scolastico, in un periodo, questo, in cui anche le famiglie chiedono che i loro figli abbiano di piu’, in fatto di alimentazione, nelle mense, in fatto di cura, nei momenti di svago, di preparazione scientifica e pedagogica, nelle ore curriculari, e anche nelle ore di educazione fisica, che in parte vanno a sostituire i momenti di gioco all’aperto, che ormai sono sempre piu’ memoria del passato.

    L’insegnamento dell’educazione fisica
    richiede competenza tanto quanto un istruttore privato deve possedere un documento che attesti di aver imparato a insegnare lo sport, cosi’ deve essere per un maestro, al quale e’ data in alcuni casi la possibilita’ di frequentare i corsi del Coni per adeguarsi alle nuove formule formative.

    ESPERIENZE ON LINE

    352

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniBenessereMovimentoSanitàSport
    PIÙ POPOLARI