Fumo: parla ai bambini la nuova campagna del ministero

Fumo: parla ai bambini la nuova campagna del ministero

Ha preso il via la nuova campagna ministeriale contro il fumo: ancora Renato Pozzetto per uno sport che parla ai più piccoli, vittime del fumo passivo, ma anche sempre più baby fumatori e, per fortuna, anche generezione chiave per un possibile riscatto

da in Bambini, Benessere, Fumo, Ministero della Salute, Primo Piano, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Si rivolge direttamente ai bambini la nuova campagna contro il fumo voluta dal Ministero della Salute. Del resto i dati più recenti, di una indagine DOXA del 2010 parlano chiaro, l’età di avvicinamento al fumo si è andata pericolosamente abbassando, aumentando pericolosamente, di contro, la probabilità di un consumo prolungato nel tempo e spesso letale.

    L’idea è quella di inculcare nelle giovani menti un atteggiamento di netto rifiuto verso le sigarette, fin dalla prima età scolare: “Io non fumerò mai” è, appunto, lo slogan della campagna che ha scelto uno stile comunicativo non drammatico, ma un linguaggio più leggero, che provi a stimolare una complicità negli spettatori. Perché proprio i bambini? Perché spesso sono vittime del fumo passivo e, purtroppo, chi cresce con genitori fumatori tende nella maggior parte dei casi, a diventare, a sua volta, un baby fumatore. Il Ministero della Salute è impegnato, in tal senso, anche a definire azioni per limitare l’accesso dei giovani ai prodotti del tabacco.

    Si punta, però, anche al ruolo positivo che i figli, correttamente educati, possono avere nel distogliere mamma e papà dal vizio della sigaretta. Quando il bambino impara il danno che il fumo può causare, molto spesso si preoccupa per i genitori fumatori e le sue rimostranze possono convincerli a deporre le sigarette.

    Testimonial d’eccezione è, ancora una volta, Renato Pozzetto, nelle vesti di un maestro elementare che invita i piccoli alunni a riflettere sui danni del fumo e sono proprio i bambini, in modo semplice e spontaneo, a “denunciare” i problemi, anche i più immediatati e semplici, che il vizio provoca nei loro stessi genitori (“mio papà quando fuma puzza” e “mia mamma tossisce” rivelano). Lo spot è in onda dal 9 luglio e sarà trasmesso per un mese sulle principali reti a diffusione nazionale.

    Nel video lo spot della Campagna ministeriale 2010 contro il fumo

    345

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniBenessereFumoMinistero della SalutePrimo PianoSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI