Frutta e diabete: consigli per tenere sotto controllo la glicemia

Frutta e diabete: consigli per tenere sotto controllo la glicemia
da in Diabete, Frutta

    frutta e diabete consigli glicemia

    Frutta e diabete: alcuni consigli per tenere sotto controllo la glicemia. Chi soffre di diabete dovrebbe ricordarsi che una porzione di frutta non dovrebbe mai contenere più di 15 grammi di carboidrati. La porzione, quindi, varia in base al contenuto di carboidrati presenti in un dato frutto. E’ molto importante valutare l’impatto degli zuccheri sui livelli di glucosio nel sangue, ma tenere in considerazione anche la ricchezza di fibre. Maggiore è la quantità di fibre, minore sarà il picco glicemico raggiunto dopo la digestione. In base a queste regole, vediamo di capire quali tipi di frutta sono consentiti e quali no.

    ananas frutta diabete

    L’ananas è noto per le sue proprietà digestive ed è in grado di contrastare efficacemente la ritenzione idrica, grazie alle sue proprietà diuretiche. La porzione corrispondente a 15 grammi di carboidrati è di 119 grammi.

    mele frutta diabete

    La mela, dalle molte proprietà benefiche, contiene vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamine C ed E. Ha importanti proprietà antiossidanti grazie ad una sostanza chiamata procianidina, che riesce a contrastare l’invecchiamento delle cellule. 117 grammi di mele senza buccia contengono 15 grammi di carboidrati.

    arance frutta diabete

    Nelle arance sono presenti gli antociani, dei pigmenti che danno il loro caratteristico colore e che hanno proprietà antiossidanti. Molti sono i benefici legati alla ricchezza di vitamina C. 128 grammi di arance contengono 15 grammi di carboidrati.

    fragole frutta diabete

    Le fragole svolgono un’azione rigeneratrice nei confronti delle cellule sanguigne, grazie all’azione dell’acido folico. Stimolano, inoltre, la produzione di collagene e hanno proprietà antinfiammatorie. In 195 grammi di fragole sono contenuti 15 grammi di carboidrati.

    kiwi frutta diabete

    I kiwi, dalle tante proprietà e dai molti benefici, contengono molta vitamina C, utile per rafforzare il sistema immunitario. La presenza di minerali, come il ferro e il magnesio, rendono questi frutti ideali per combattere lo stress. In 102 grammi di kiwi sono contenuti 15 grammi di carboidrati.

    pere frutta diabete

    Le pere sono molto ricche di fibre, soprattutto nella buccia. Questi frutti sono adatti per contrastare l’obesità, per tenere sotto controllo il livello di colesterolo e per combattere l’infiammazione al colon. Per non superare i 15 grammi di carboidrati, non si dovrebbero consumare più di 97 grammi di pere.

    pesche frutta diabete

    Nelle pesche è contenuta la vitamina C, importante per difendere l’organismo dalle infezioni. Utile è anche l’abbondanza di potassio per il sistema nervoso e il battito cardiaco. In 157 grammi di pesche sono contenuti 15 grammi di carboidrati.

    pompelmo frutta diabete

    L’assunzione di pompelmo è suggerita soprattutto in casi di inappetenza. Questo frutto è in grado di accelerare la trasformazione dei grassi in energia. Per non superare i 15 grammi di carboidrati, non si dovrebbero consumare più di 186 grammi a porzione di questo frutto.

    prugne frutta diabete

    Le prugne sono un vero concentrato di sostanze nutritive. Contengono fibre e molti sali minerali, come il potassio, lo zinco e il magnesio. In 131 grammi di questi frutti sono contenuti 15 grammi di carboidrati.

    fichi frutta diabete

    Per l’eccessiva presenza di zuccheri, in caso di diabete, bisogna evitare alcuni frutti in particolare: cachi, fichi, banane, uva, frutta secca. Una certa attenzione va rivolta verso i succhi di frutta industriali, che spesso contengono zuccheri aggiunti.

    1015

    LEGGI ANCHE