Filariosi nel cane e nel gatto: sintomi e vaccino

La filariosi nel cane e nel gatto si manifesta con sintomi come l’insufficienza cardiaca e le difficoltà respiratorie

da , il

    filariosi cane gatto sintomi vaccino

    La filariosi è una malattia parassitaria, che le zanzare trasmettono al cane, al gatto o ad altri animali domestici. La patologia è caratterizzata da due tipologie, che vanno distinte in base al parassita che sta all’origine del problema. La dirofilaria immitis determina la filariosi cardiopolmonare, mentre la dirofilaria repens causa quella cutanea. I sintomi consistono principalmente nell’insufficienza cardiaca o nelle difficoltà respiratorie, fino all’edema polmonare o al collasso cardiocircolatorio. E’ molto importante puntare sulla prevenzione, anche perché, pur esistendo un trattamento per la patologia in questione, non si tratta di un vero e proprio vaccino, anche se alcuni lo concepiscono come tale.

    La filariosi nel cane

    La filariosi nel cane all’inizio non si manifesta con dei sintomi specifici. Questi diventano evidenti quando vengono intaccate le pareti del cuore, ma per questo ci vuole molto tempo. E’ questa la ragione per cui la diagnosi viene compiuta spesso in ritardo, visto che i danni sono soltanto graduali.

    In ogni caso la malattia può essere anche fatale, specialmente se non viene diagnosticata in maniera tempestiva. Soltanto in una fase avanzata compaiono insufficienza cardiaca, stanchezza, dispnea, edema polmonare, emottisi, crisi convulsive, incapacità di coordinare i movimenti, paresi e, in extremis, collasso cardiocircolatorio.

    La profilassi è molto importante e prevede il ricorso a dei farmaci che solo il veterinario può dosare in modo adeguato, considerando lo stato di salute generale dell’animale. Ci sono a disposizione compresse, tavolette, prodotti da applicare sulla nuca, iniezioni, che però non dovrebbero essere utilizzate nei cani che hanno problemi di allergia, al fegato o ai reni.

    I medicinali maggiormente usati sono la Milbemicina ossima, la Selamectina, la Moxidectina, l’Ivermectina.

    Si può eseguire, nei casi ad interessamento cardiopolmonare, la terapia adulticida, per uccidere i parassiti adulti che si sono insediati nel cuore e nelle arterie polmonari.

    La malattia nel gatto

    La filariosi nel gatto colpisce questi animali in misura minore rispetto ai cani. Tutto ciò è dovuto a varie ragioni: i gatti hanno una quantità minore di parassiti adulti, questi ultimi portano avanti nei felini un tempo di maturazione più lungo e si può constatare la presenza di un minor numero di larve infettanti.

    I sintomi sono generalmente di tipo respiratorio: tosse e dispnea. Queste possono essere accompagnate dalla mancanza di appetito, dal vomito e dalla letalgia. Si verificano anche casi di tachicardia e di morte improvvisa.

    Il trattamento preventivo di solito non è necessario, in quanto il gatto non può essere considerato un ospite significativo per la trasmissione del parassita. Esistono comunque dei prodotti da utilizzare in termini di prevenzione: l’Ivermectina in compresse, la Selamectina e la Milbemicina.