Farmaci: ogni regione ha un ticket diverso, che caos!

E così grazie a questo studio constatiamo che nel Lazio il ticket è il più pesante in assoluto, 4 euro per farmaci che costano più di 5 euro e 2,50 euro per quelli che hanno un prezzo inferiore ai 5 euro, mentre due euro per ogni confezione sono richiesti ai cittadini residenti in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Veneto e Puglia, bisogna pagare un ticket di 2 euro per ogni confezione,

da , il

    farmacia

    E’ proprio divenuta una jungla la normativa che regola il prezzo del ticket sanitario sui farmaci regione per regione, ciò da quando ognuna di queste amministrazioni è stata lasciata libera di applicare la quota a carico del cittadino a seconda delle proprie esigenze e dei propri bilanci. Il risultato è che predisponendo delle linee generali per classi di farmaci, anzicchè intervenire sulla singola confezione, si può verificare il caso che certi farmaci, come la Cardioaspirin, ovvero l’Aspirina a basso dosaggio indicata per prevenire eventuali patologie cardiovascolari, costa di più a pagare il ticket presentandosi in farmacia con la ricetta medica, anzicchè pagare il farmaco per cassa ovvero corrispondendo l’intero valore della confezione stessa.

    Il problema è che certi paradossi accadono in certe zone del Paese ed in altre no e la conseguenza è che in Italia si assiste, a seguito dell’autonomia resa ad ogni regione, ad un vero e proprio caos, come rileva il dossier “ le gabbie sanitarie” voluto dall’Osservatorio Salute&Diritti del Movimento Difesa del Cittadino.

    E così grazie a questo studio constatiamo che nel Lazio il ticket è il più pesante in assoluto, 4 euro per farmaci che costano più di 5 euro e 2,50 euro per quelli che hanno un prezzo inferiore ai 5 euro, mentre due euro per ogni confezione sono richiesti ai cittadini residenti in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Veneto e Puglia, bisogna pagare un ticket di 2 euro per ogni confezione, indipendentemente dal prezzo del farmaco. In modo diversi si fa in Abruzzo dove la richiesta è sempre di due euro a confezione ma, se il prezzo del farmaco è inferiore a 5 euro, il ticket scende a 0,50 euro; la Calabria fa pagare ai non esenti 1 euro a ricetta più 2 euro a confezione, la Campania 1,50 euro a confezione e il Molise 1 euro a confezione, 0,50 euro per i generici, gratis i farmaci inferiori a 5 euro. In Valle d’Aosta, Provincia di Trento, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Basilicata e Sardegna non esiste alcun pagamento per i farmaci a carico dell’assistito.

    Insomma, regione che vai ticket che trovi!