Farmaci: l’85% di quelli nuovi sarebbe tossico e poco efficace

Farmaci: l’85% di quelli nuovi sarebbe tossico e poco efficace

Uno studio americano lancia l'allarme: i nuovi farmaci in commercio sarebbero sempre più tossici e meno efficaci rispetto a quelli già esistenti

da in Farmaci, In Evidenza, News Salute, Ricerca farmaceutica, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    A rischio i nuovi farmaci?

    All’annuncio di nuovi medicinali per curare questo o quel problema, ecco rinascere, spesso, le speranze di milioni di malati. Ma le novità del mercato farmaceutico sono sempre un progresso oppure nascondono a volte semplici strategie di marketing che poco hanno a cuore la salute dei consumatori?

    Buona la seconda delle opzioni, almeno secondo uno studio statunitense condotto presso l’Università di Medicina e Odontoiatria del New Jersey da Donald Light, professore di Medicina comparativa. Stando alla ricerca, infatti, l’85% dei nuovi farmaci immessi sul mercato risulterebbe scarsamente efficace, cioè non in grado di apportare vantaggi rispetto ai medicinali già esistenti. Inoltre, i nuovi prodotti farmaceutici risulterebbero potenzialmente più tossici e con maggiori e più gravi effetti collaterali.

    I dati emergono dall’analisi di studi indipendenti, tra i quali uno che ha evidenziato come, su 111 domande di approvazione di un nuovo farmaco siano state riscontrate gravi lacune: nel 42% dei casi mancavano dei dati estratti da studi in modo adeguato, in un altro 40% per cento i dati erano supportati da un errato dosaggio e, infine, nel il 49% si sollevavano preoccupazioni circa gravi effetti collaterali del medicinale.

    “Le aziende farmaceutiche nascondono o minimizzano informazioni sui gravi effetti collaterali dei nuovi farmaci e sovrastimano i benefici dei farmaci stessi. Spendono il doppio o addirittura il triplo in marketing rispetto alla ricerca, per convincere i medici a prescrivere questi nuovi farmaci. In questo modo i medici ricevono informazioni fuorvianti e non informano i pazienti sui rischi di un nuovo farmaco” questo il pesante attacco dello studioso, rilasciato al quotidiano Independent.

    333

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciIn EvidenzaNews SaluteRicerca farmaceuticaSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI