Farmaci: in Francia sciroppi per la tosse vietati ai bambini e in Italia?

Farmaci: in Francia sciroppi per la tosse vietati ai bambini e in Italia?

Poichè ben sappiamo che tali farmaci sono liberamente venduti anche in Italia per curare tali affezioni anche in bambini con un’età al di sotto dei due anni, ci si chiede dunque di saperne di più e di elaborare chiarimenti a livello europeo:

da in Associazioni Consumatori, Bambini, Farmaci, Sanità, Tosse
Ultimo aggiornamento:

    tosse nei bambini

    Il paradosso è che esistano farmaci, quali sciroppi fluidificanti che servono ad espettorare meglio e dunque a rendere più fluide le vie respiratorie con la conclusione che dovrebbero far respirare meglio il paziente a cui vengono prescritti, nello specifico pazienti pediatrici ed invece vengono ritirati dal commercio perché renderebbero più difficile la respirazione e dunque sarebbero dannosi per la salute di chi li assume.

    La conseguenza di tutto ciò è che in Francia il corrispettivo del nostro Istituto Superiore di Sanità, l’Afssaps, ha proceduto al ritiro dal mercato di farmaci fluidificanti e mucolitici a base di carbocisteina e acetilcisteina, mucofluidificanti (benzoato di meglumina) che, stando all’Afssaps, indurrebbero difficoltà respiratorie”: è quanto ha reso noto oggi l’Aduc, che pubblica sul suo sito internet l’elenco degli sciroppi ritirati e di quelli controindicati per i bambini di età inferiore ai due anni.

    Poichè ben sappiamo che tali farmaci sono liberamente venduti anche in Italia per curare tali affezioni anche in bambini con un’età al di sotto dei due anni, ci si chiede dunque di saperne di più e di elaborare chiarimenti a livello europeo: “Sarebbe utile sapere se le controindicazioni francesi si devono applicare anche in Europa e in Italia – afferma l’Aduc - In questo senso abbiamo sollecitato il Commissario europeo alla Salute e Politica dei consumatori, John Dalli, che può agire attraverso l’Agenzia europea per i medicinali e il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, che ha l’equivalente nell’Agenzia italiana del farmaco, affinché si chiariscano gli effetti degli sciroppi e si assumano decisioni comuni sia in sede nazionale che europea”.

    332

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriBambiniFarmaciSanitàTosse
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI