Farmaci: il “NO” delle Associazioni contro la libera vendita

Farmaci: il “NO” delle Associazioni contro la libera vendita

Non piace per nulla il Decreto Legge, che a breve potrebbe essere trasformato in Legge, alle Associazioni dei Consumatori; equiparare i farmaci alle altre merci è impensabile

da in Associazioni Consumatori, Farmaci, Farmacie
Ultimo aggiornamento:

    farmaci

    Non è ancora Legge, proprio perché è un Disegno di Legge, il DDL che autorizzerebbe la vendita di farmaci da banco, non solo fuori dai locali delle farmacie e parafarmacie, ma, addirittura, senza neanche la presenza del farmacista e, di colpo, si sono scatenate le Associazioni dei Consumatori.

    Le reazioni delle Associazioni dei Consumatori non sono mancate, Federconsumatori, ad esempio, trova impensabile accomunare i farmaci, sia pure da banco, con sostanze merceologiche tanto diverse, come avverrebbe negli Autogrill e nonostante i limiti che la stessa Legge prevedrebbe. Ancora più pesante il giudizio di Rita Battaglia, Vice Presidente Federconsumatori, che parla di operazione gravissima, secondo cui “ai cittadini si trasmette un messaggio non solo sbagliato, ma addirittura dannoso, che può portare a sottovalutare la particolarità dei farmaci, che devono essere sempre e comunque distinti dagli altri prodotti”.

    La stessa esponente dell’Associazione tiene a sottolineare che non è solo la ricetta a rendere unici i farmaci, ma anche il supporto che ad essi può dare la figura del farmacista che deve essere lì sul poso a consigliarlo o meno, così come dovrà essere lo stesso a suggerirne la posologia.

    Inoltre è dimostrato da una recente ricerca dell’ANIFA che oltre l’80% dei cittadini non vuole rinunciare alla presenza del farmacista nei punti vendita.

    Federconsumatori si opporrà con ogni mezzo a tale provvedimento, sottolineando, inoltre, “la gravità del fatto che, nell’ambito della procedura di valutazione e di confronto su una tematica così delicata, che chiama in causa direttamente la salute dei cittadini, non siano state interpellate le associazioni che li rappresentano e che, da anni, danno voce alle loro esigenze”.

    Fonte foto: Blogmamma

    339

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriFarmaciFarmacie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI