NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Farmaci: gli Italiani li usano sempre di più

Farmaci: gli Italiani li usano sempre di più

Molto interessanti i dati che emergono dall'ultimo rapporto OsMed

da in Antidepressivi, Farmaci, Malattie cardiovascolari, News Salute, Primo Piano, Sistema nervoso
Ultimo aggiornamento:

    uso dei farmaci

    L’uso dei farmaci da parte degli Italiani è in continuo aumento. Si calcola che il loro consumo è raddoppiato nel corso degli ultimi dieci anni. Sono questi i dati molto interessanti che emergono dall’ultimo rapporto OsMed, che ha fatto luce anche sui medicinali più usati nel nostro Paese e su quelli che sono soggetti ad un aumento di prescrizioni.

    I farmaci che vengono usati in modo regolare nel corso degli anni sono sempre quelli che presentano proprietà terapeutiche nei confronti dei disturbi cardiovascolari. In generale si può dire che si può riscontrare un aumento delle prescrizioni in relazione a tutte le diverse categorie farmaceutiche. I farmaci che agiscono sul sistema gastrointestinale, gli ematologici e i medicinali per il sistema nervoso centrale hanno fatto registrare maggiore riscontri in termini di utilizzo, ma soprattutto è aumentato il consumo di antidepressivi in modo sorprendente.

    Tutto questo secondo gli esperti può essere spiegato soprattutto considerando le abitudini degli Italiani, ma tenendo in conto soprattutto la difficile situazione che riguarda il lavoro e il precariato, che non fanno altro che aumentare le difficoltà relative alla salute mentale. Un altro dato interessante che emerge è il fatto che la spesa maggiore si ha ancora per i farmaci non equivalenti.

    Differenze sostanziali ci sono anche nei farmaci utilizzati rispettivamente dagli uomini e dalle donne.

    Queste ultime privilegiano soprattutto i farmaci per il sistema nervoso centrale e in modo particolare gli antidepressivi. Inoltre fanno ricorso anche ad antianemici e bifosfonati per l’apparato muscolo-scheletrico.

    321

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntidepressiviFarmaciMalattie cardiovascolariNews SalutePrimo PianoSistema nervoso
    PIÙ POPOLARI