Farmaci: dopo la liberalizzazione, AssoFarm chiede un protocollo nazionale

Farmaci: dopo la liberalizzazione, AssoFarm chiede un protocollo nazionale
da in Farmaci, Farmacie, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    assofarm

    L’AssoFarm ha reso noto nei giorni scorsi che e’ ormai imminente, per il bene del mercato nazionale del farmaco, la necessita’ di stilare un protocollo di accordi per il riordino nazionale della vendita dei farmaci e dei servizi farmaceutici.

    Questo in seguito all’applicazione dell’articolo 2 del decreto legislativo per la liberalizzazione del farmaco. Assofarm rappresenta i diritti e gli affari di 1.400 farmacie comunali che lavorano sul territorio nazionale. In discussione per Assofarm il principio di titolarita’ e multititolarita’ delle farmacie, sono ben 2.220 le richieste per l’autorizzazione all’apertura di altrettanti nuovi punti vendita con licenza farmaceutica e con farmacista titolare in attesa, che vedra’ collocare nuovi punti vendita del farmaco anche all’interno di centri commerciali e luoghi di transito dei possibili acquirenti.

    Assofarm chiede che le farmacie e i punti vendita rispettivamente si qualifichino e che il loro compenso non dipenda dalla sola quantita’ di prodotto venduta, ma anche dal tipo di prestazione effettuata. Quello che si chiede quindi e’ un generico processo di rinnovo delle convenzioni farmaceutiche per dividere le prestazioni di alto profilo dalle prestazioni di base.

    214

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciFarmacieSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI