Farmaci: diminuisce la spesa sanitaria, aumentano le ricette

Un fatto apparentemente inspiegabile questo, ma fino ad un certo punto

da , il

    farmaciste

    Merito dei farmaci generici o equivalenti? Sicuramente si, fatto sta che la spesa farmaceutica in Italia a carico del S.S.N. nei primi dieci mesi del 2009 si è abbassata dell’1% rispetto al 2008, un dato sicuramente confortante eppure…. eppure sono aumentate le ricette prescritte dai medici in ragione del 3% da un anno ad un altro.

    Un fatto apparentemente inspiegabile questo, ma fino ad un certo punto.E’ infatti interessante anche osservare che se aumentano le ricette ciò è dovuto ad una diminuzione del numero dei ricoveri; assottigliati dell’1,7% .Relativamente a quest’ultimo dato il fatto è spiegabile con una territorialità dell’assistenza farmaceutica più capillare, come ci delinea bene la Federfarma. Ma allora come mai di fronte a tali dati che confermano come il ricorso al farmaco sia aumentato, lo dimostra il maggior numero di ricette emesse, la spesa farmaceutica è diminuita?

    La risposta la da proprio Federfarma che sottolinea come i farmaci prescritti abbiano prezzi più bassi di un tempo, E questo è il risultato delle riduzioni dei prezzi dei medicinali varate dal Governo e dall’Aifa a partire dal 2006: come quella del 12% sui medicinali generici SSN, in vigore dal 28 maggio 2009 teoricamente fino al 31 dicembre 2009, ma con effetti di risparmio che continuano nel 2010, in quanto molte aziende non hanno riportato i prezzi al livello precedente.

    Merito di questo contenimento della spesa va anche ascritto al ruolo sempre più incisivo delle farmacie che orientano la propria opera sempre di più verso la scelta dei farmaci equivalenti il che significa aver fatto risparmiare alla collettività qualcosa come oltre 500 milioni di euro, ai quali si aggiungono oltre 64 milioni di euro derivanti dal pay-back attivato a carico delle farmacie a decorrere dal 1° marzo 2007.