Farmaci biosimilari: in ematologia, efficaci come gli originatori

Farmaci biosimilari: in ematologia, efficaci come gli originatori

Le prime esperienze cliniche dei farmaci biosimilari danno risultati positivi mostrando pari efficacia e sicurezza rispetto agli originatori

da in Farmaci, News Salute, Sangue, Farmaci biosimilari
Ultimo aggiornamento:

    farmaci biosimilari ematologia

    Abbiamo già parlato dei farmaci biosimilari, simili a farmaci biologici già in commercio (gli originatori), i cui brevetti sono scaduti: ma sono davvero efficaci e sicuri al pari dei farmaci originatori? Una prima risposta a questa domanda arriva proprio dalla pratica clinica: all’Ospedale Maggiore di Milano, infatti, sono già in corso le prime esperienze sui pazienti di un farmaco biotecnologico biosimilare: il filgrastim XM02.

    Questo farmaco è un fattore di crescita emopoietico: in sostanza aumenta la produzione di cellule staminali del sangue che, una volta reinfuse nel paziente dopo la chemioterapia, favoriscono la rigenerazione delle cellule sanguigne, permettendo un trapianto autologo.

    Durante il recente convegno “Farmaci biotecnologici biosimilari: innovazione e sostenibilità” sono stati presentati i primi dati clinici provenienti dall’ospedale Maggiore. Secondo questi dati, il farmaco, appartenente alla categoria dei biosimilari, filgrastim XM02, ha pari efficacia e sicurezza rispetto al farmaco originatore per quanto riguarda: i tempi di produzione delle staminali (aferesi), la quantità di cellule ottenute, la stimolazione della ripresa midollare nei pazienti che hanno subìto il trapianto autologo e nell’utilizzo nella terapia di supporto ambulatoriale alla chemioterapia.

    “Sulla base di questa preliminare esperienza il biosimilare sembra offrire le stesse garanzie di sicurezza ed efficacia rispetto al farmaco “originator” di riferimento. Se questa equivalenza terapeutica verrà testimoniata anche da altri studi clinici in corso, l’ematologo avrà la possibilità di ridurre il costo delle terapie in campo onco-ematologico, fino ad ora in costante e significativa crescita” spiega il professor Giorgio Lambertenghi Delliliers, Direttore dell’U.O. Ematologia 1 – Centro Trapianti di Midollo della Fondazione IRCCS-Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, Milano.

    368

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciNews SaluteSangueFarmaci biosimilari
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI