Farmaci: aumenta il ticket, scende la spesa per il Ssn

Lievita la spesa dei cittadini per i farmaci, sale il costo del ticket, che pesa sempre di più sulle spalle dei cittadini e, parallelamente, si taglia la spesa per il Servizio Sanitario Nazionale

da , il

    Farmaci, ticket sempre più cari

    Sale la spesa dei cittadini per l’acquisto dei farmaci e, proporzionalmente, scende quella a carico del Servizio Sanitario Nazionale. I dati emersi dal Rapporto stilato da Federfarma per il 2010 lasciano poco spazio ai dubbi: la quota che devono scborsare i cittadini è passata dal 6,6% del 2009 al 7,6% dell’anno scorso, registrando l’aumento di un punto netto, che finisce per gravare sulle tasche dei consumatori.

    Ammonta a circa un miliardo di euro la spesa effettuata dai cittadini per l’acquisto del farmaci, complice un ticket sempre più “salato”. Il cittadino ci perde e il Ssn ci guadagna: infatti, a fronte di un netto incremento della spesa a carico dei consumatori, si è registata una diminuzione dell’esborso da parte del Servizio Sanitario Nazionale pari allo 0,7% (circa 11 milioni di euro).

    La materia sanitaria divide le opinioni, ma non solo, anche geograficamente, regione per regione, la situazione non è omogenea: le regioni in cui si osserva una maggior incidenza dei ticket sul bilancio locale sono la Sicilia, il Venento e la Lombardia, mentre la situazione opposta è riscontrabile in Valle d’Aosta, a Trento e nel Friuli Venezia Giulia.

    I consumatori rischiano di rimetterci e, nei prossimi mesi, la prospettiva non accenna a migliorare: l’abbassamento dei prezzi di riferimento dei farmaci e la situazione ancora poco chiara per quanto riguarda i farmaci generici equivalenti non promettono davvero nulla di positivo per il futuro imminente.