Farmaci: allarme FDA su possibili rischi del paracetamolo

Farmaci: allarme FDA su possibili rischi del paracetamolo

Il paracetamolo è il “migliore amico” degli italiani in questi giorni di boom influenzale, ma attenzione a non esagerare, perché non è esente da rischi, come ricorda la FDA

da in Farmaci, In Evidenza, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Paracetamolo, possibili rischi

    L’avviso, che dovrebbe allertare i consumatori, ma soprattutto le autorità competenti, arriva dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense: il paracetamolo, il principio attivo dei farmaci più utilizzati proprio in questio periodo di boom influenzale, per tenere sotto controllo febbre e dolori, potrebbe comportare alcuni rischi non previsti.

    Rischi e pericoli per la salute non previsti e troppo spesso sottovalutati, soprattutto se si considera che il paracetamolo, disponibile in diverse formulazioni e con nomi commerciali differenti, è un farmaco da banco, acquistabile senza ricetta medica e, di conseguenza, senza il controllo dello specialista.

    Ma se è da banco, è innocuo? Decisamente no, è proprio questo il pericolo da scongiurare in Italia, mettendo in guardia i consumatori sui possibili danni ed effetti collaterali del medicinale.

    La FDA ha insinuato il dubbio, emettendo un avviso sui possibili danni collaterali legati all’uso e, soprattutto, all’abuso del paracetamolo, chiedendo una limitazione del farmaco a 325 mg per compressa e le associazioni dei consumatori del Bel Paese lo hanno raccolto.

    Infatti, l’avviso dell’autorità a stelle e strisce è stato reso noto dall’Aduc, l’Associazione per i Diritti degli Utenti e dei Consumatori, che sottolinea il pericolo dello scorretto utilizzo del paracetamolo, disponibile in formulazioni da 125 a 1000 mg. E’ un antifebbrile, antinfiammatorio e analgesico, si può acquistare senza la prescrizione medica, ma è necessario farne un utilizzo moderato e ponderato, senza sottovalutare tutti i possibili effetti collaterali, dai danni epatici, a quelli renali, fino alle eventuali reazioni allergiche.

    321

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciIn EvidenzaNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI