Farmaci: scoperte alcune importanti molecole per la prevenzione delle malattie

Farmaci: scoperte alcune importanti molecole per la prevenzione delle malattie

Ruolo centrale per sconfiggere le malattie ed il loro manifestarsi è la prevenzione, la ricerca e la consapevolezza del singolo di sapere quanto importante sia il suo modo di fare per evitare quegli stili di vita che si oppongono al benessere

da in Farmaci, Prevenzione, Primo Piano, Sanità, Tumore al collo dell'utero, Vaccini
Ultimo aggiornamento:

    Umberto Veronesi

    Quale migliore augurio poteva giungere più gradito se non l’auspicio da parte del mondo della medicina di ritenere, per bocca di uno dei maggiori esponenti e scienziati al mondo, Umberto Veronesi, di ritrovarci di fronte ad un importante bivio che pone l’uomo nella consapevolezza di sapere che molte malattie si possono sconfiggere sul nascere alla luce di sempre nuove e importanti acquisizioni in campo medico scientifico. Nel farlo, il professore Veronesi, tratteggia le linee guida che dovranno essere intraprese anche in futuro per sconfiggere le malattie. Con un parallelismo fra la strategia militare e quella medica, lo stile di vita e la possibilità che si possa restare sempre in buona salute è determinata dalla stessa consapevolezza che in un’azione militare determina la vittoria, ovvero, la conoscenza perfetta del nemico.

    In medicina la consapevolezza dei fattori di rischio delle malattie ci da la certezza della vittoria in campo scientifico contro le più temibili patologie già conosciute e studiate. Al punto che, sempre secondo il celeberrimo oncologo Veronesi, anche se non è possibile eliminare i rischi cui nella vita andiamo incontro possiamo per lo meno quantificarli e proteggerci al meglio da essi.

    Ruolo determinante in questa logica viene svolta dalla prevenzione che, pur non potendo del tutto eliminare le malattie, può per lo meno minimizzarle al meglio e solo la conoscenza delle stesse sommata all’importantissimo ruolo rivestito dalla ricerca scientifico è lo strumento per ridurre l’incidenza delle malattie e la stessa mortalità. Ed in questo è proprio l’individuo l’elemento centrale per il ruolo che esso ha nel determinare il proprio destino come sostiene lo stesso scienziato quando afferma che «Guidare un’auto comporta un rischio di incidente stradale, ma se indossiamo le cinture di sicurezza le probabilità individuali di subire un trauma diminuiscono. Così vale anche nella lotta alle malattie».

    Ovvio a questo punto tratteggiare anche il ruolo basilare che gli operatori sanitari hanno nel responsabilizzare l’individuo in fatto di prevenzione e allo Stato il grande compito di diffondere al meglio le conoscenze ed ai medici “il compito di informare e sensibilizzare i pazienti perché possano liberamente e consapevolmente scegliere comportamenti che riducano le probabilità di ammalarsi ».

    L’informazione, però, da sola non basta. «È necessario, poi, proporre programmi di prevenzione a cui i cittadini informati possano decidere di aderire».

    Ecco che si torna a parlare del ruolo importante rivestito dal vaccino contro il tumore del collo dell’utero nelle adolescenti, un presidio sanitario questo al centro di diverse polemiche alla vigila della sua capillarizzazione in Italia e che sempre di più invece s’è visto essere come la vera arma di difesa disponibile oggi dalla moderna medicina per sconfiggere la temibile patologia oncologica. Così come importantissimo è il ruolo rivestito a livello preventivo anche dalle “ Tac spirali per i forti fumatori per la scoperta tempestiva del tumore ai polmoni, la strategia mortalità zero per il cancro del seno con un’informazione capillare alle donne sugli esami salvavita per ogni fascia d’età».

    E nel novero delle moderne sempre nuove acquisizioni non manca l’illustre oncologo di tratteggiare il ruolo importante della ricerca volta anche alla prevenzione, «Grazie alle nuove conoscenze informatiche gli esami basati sulla diagnostica per immagini hanno raggiunto livelli di precisione molto avanzata.

    Ciò è importante per risalire sempre più indietro nel processo di formazione delle malattie».

    E fermo il compito essenziale rivestito dal medico unico titolato a somministrare farmaci agli ammalati, punta il dito il professore Veronesi sul ruolo rivestito dai farmaci da assumere a scopo preventivo, I ricercatori stanno studiando principi attivi in grado di impedire sul nascere lo sviluppo di malattie. Per lo più sono derivati di vitamine e altre sostanze naturali. Farmaci consigliati “ nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Ora progressivamente sono somministrate anche in oncologia. Sono già utilizzate molecole che proteggono dal manifestarsi del cancro del seno e sono in cantiere nuove sostanze per il tumore della prostata (come il Bicatulamide) e per quello del colon».

    712

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciPrevenzionePrimo PianoSanitàTumore al collo dell'uteroVaccini
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI