NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Estate, caldo e bambini: idratazione, consigli utili

Estate, caldo e bambini: idratazione, consigli utili

L’idratazione dei bambini è in pericolo durante l’estate, complici il caldo e l’afa, per scongiurare iln rischio disidratazione, ecco qualche consiglio utile

da in Alimentazione, Bambini, Benessere, Caldo, In Evidenza, Neonati, Idratazione
Ultimo aggiornamento:

    bambini in estate, idratazione necessaria

    Estate, afa, caldo e rischio disidratazione dietro l’angolo: per evitare i pericoli legati alla scarsa idratazione dell’organismo, soprattutto per i soggetti più deboli, come i bambini piccoli, gli esperti hanno stilato una lista di indicazioni utili.

    Le temperature che si alzano, unite alla sudorazione che aumenta rischiano di lasciare “a secco” di liquidi e sali minerali preziosi l’organismo, soprattutto quando si tratta di bambini, nelle prime fasi di vita, neonati.

    I piccoli, in particolare durante il primo anno di vita, hanno un elevato fabbisogno di liquidi (circa 100-150 ml/Kg di peso corporeo/die), a causa della differente composizione corporea rispetto all’adulto (il bambino è costituito da 2/3 di acqua, l’adulto da 1/2) e dall’elevato ricambio dei liquidi corporei (circa cinque volte maggiore rispetto a quello degli adulti).

    “La proporzione dell’acqua corporea nei neonati è notevolmente maggiore rispetto a quella degli adulti ed è pari a circa il 75% del peso, anche le perdite giornaliere di acqua sono più elevate con il diminuire dell’età e nei primi mesi di vita raggiungono il 15% del peso corporeo. Di conseguenza il fabbisogno d’acqua è superiore e, proporzionalmente al peso, risulta tre volte più elevato di quello di un adulto, rimanendo comunque consistente in tutte le età di interesse pediatrico.

    Per questi motivi i bambini sono particolarmente esposti al rischio di disidratazione, in particolar modo in caso di caldo o afa, e più in generale quando non si reintegra adeguatamente e tempestivamente l’acqua perduta” ha osservato commenta il professor Giovannini, docente di Pediatria dell’Università degli Studi di Milano e fondatore e Presidente della Società Italiana di Nutrizione Pediatrica.

    Ecco le semplici regole per le mamme: assecondare sempre il senso di sete del bimbo, anzi tenta di anticiparlo; fargli bere frequentemente acqua non fredda in piccole quantità; durante il gioco o l’attività fisica, l’apporto idrico deve essere costante.

    385

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBambiniBenessereCaldoIn EvidenzaNeonatiIdratazione
    PIÙ POPOLARI