Esofagite da reflusso: come affrontarla

Esofagite da reflusso: come affrontarla

L'esofagite da reflusso trascurata porta direttamente allo sviluppo dell'ulcera

da in Alimentazione, Digestione, Malattie, Reflusso gastroesofageo
Ultimo aggiornamento:

    Endoscopia

    Quando succede troppo spesso di avere episodi di singhiozzo e di reflusso gastrico, significa che qualcosa non funziona a dovere a livello di esofago, probabilmente una infiammazione o una irritazione sta causando delle disfunzioni allo sfintere. Che cosa fare?

    Prima di intervenire bisogna verificare se ci sono problemi diversi, ad esempio un regime alimentare inusuale perche’ ci si trova in vacanza, una momentanea cattiva abitudine nel bere particolari bibite o prodotti, o un momento di transizione dovuto a patologie correlate; se non coesiste alcuno di questi fattori, ma si soffre ugualmente di rigurgito, allora si tratta proprio di un problema di esofagite.

    Il disturbo e’ fastidioso, sia per il fatto che altera la qualita’ della composizione di acidi e enzimi nell’esofago e in bocca, sia perche’ alla lunga puo’ infiammare l’esofago e causare del dolore, dato che l’esofago non e’ preparato ad accogliere degli acidi adatti alla digestione, poiche’ non ha alcuna protezione naturale in grado di neutralizzare l’attacco di questi ultimi.

    Se lo sfintere non funziona piu’ bene si avverte subito il classico bruciore al “buco dello stomaco”, un campanello di allarme da tenere in considerazione assolutamente.

    Il reflusso si presenta specialmente dopo i pasti, o dopo le bevute, ed e’ causato da un fatto fisico: lo stomaco pieno spinge verso l’alto e lo sfintere non riesce a “tenere” tappo, lasciando passare qualcosina. Il disturbo e’ simile all’ernia allo iato, si avverte lo stesso dolore e si ha lo stesso rigurgito, a differenza del fatto che in questo caso la guarigione e’ piu’ semplice.

    A volte e’ la gravidanza, nelle donne, a causare questo tipo di anomalia, che e’ peggiorata nei casi in cui si mangi parecchio cioccolato, si beve gasato o alcolico, si mangia grasso e si fuma. Una esofagite che non si cura porta dritti allo sviluppo dell’ulcera, e si manifesta con episodi emorragici medio-gravi.

    Per curare l’esofagite e’ sufficiente cambiare le cattive abitudini, rimuovendole del tutto, e affrontare la situazione acuta con rimedi a carattere temporaneo.

    Nel momento del reflusso stare attenti a non rimanere in posizione orizzontale, nemmeno se si e’ ammalati, e assumere dei farmaci antiacido e dei digestivi per digerire piu’ velocemente e meglio. Se il disturbo non passa consultare il medico per una visita gastrica.

    452

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneDigestioneMalattieReflusso gastroesofageo
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI