Erisipela: sintomi, cause e rimedi [FOTO]

L’erisipela è un’infezione acuta della pelle, che si manifesta con sintomi specifici a carico della cute. Vediamo quali sono le cause e i rimedi.

da , il

    Erisipela: vediamo quali sono i sintomi, le cause e i rimedi. L’erisipela indica un’infezione acuta della pelle, che coinvolge sia gli strati superficiali della cute che i vasi linfatici. La malattia è determinata da alcuni batteri, che causano la macerazione progressiva della pelle. Può colpire chiunque, ma nello specifico interessa di più i bambini e gli anziani. Proprio durante la fase dell’infanzia e della vecchiaia, i soggetti appaiono particolarmente sensibili alle infezioni e ai processi degenerativi che interessano la cute. Vediamo di capirne di più su questo disturbo.

    I sintomi

    L’erisipela tende a coinvolgere alcune aree del corpo in particolare. L’infezione colpisce soprattutto il volto, le braccia e le gambe. La patologia si manifesta inizialmente con la comparsa della febbre, con una sensazione di brividi, con il mal di testa e con bruciore. I soggetti presentano delle macchie rosse lucide sulla pelle, che appaiono leggermente calde al tatto. Le zone colpite sono gonfie e a volte anche dolorose. Spesso si formano delle bolle e delle vescicole, accompagnate da prurito. Nel viso l’erisipela interessa soprattutto le guance e le palpebre, causando edema palpebrale.

    Le cause

    L’erisipela è determinata in genere dagli streptococchi, che, arrivando a penetrare nell’organismo attraverso delle piccole ferite nella pelle, raggiungono i vasi linfatici e intaccano le ghiandole linfatiche. Ci sono alcuni fattori di rischio che possono favorire il manifestarsi della malattia. Fra questi possiamo ricordare il diabete mellito, l’insufficienza venosa profonda, l’obesità, la tinea pedis, le microlesioni e le ferite. In particolare i batteri responsabili della patologia sono gli streptococchi del tipo A beta-emolitico, anche se sono coinvolti pure altri ceppi batterici.

    I rimedi

    I rimedi contro l’erisipela sono costituiti dagli antibiotici. Il medico dovrà prima individuare il ceppo batterico responsabile dell’infezione, in modo da prescrivere antibiotici specifici. In genere vengono utilizzati i principi attivi delle cefalosporine, della benzilpenicillina benzanitica o dei macrolidi. Sarà il medico, di volta in volta, a stabilire quali sostanze impiegare nella cura, tenendo conto del tipo di batteri coinvolti. In questo modo i miglioramenti sono quasi immediati, perché i farmaci riescono a debellare i batteri responsabili della malattia. Bisogna stare attenti alle recidive dell’erisipela, che possono essere tenute sotto controllo sempre attraverso i medicinali consigliati dal medico.