Erbe officinali: Valeriana

La Valeriana aiuta a conciliare il sonno e a riprendere l'equilibrio tra giorno e notte nei casi in cui si soffra di insonnia, la pianta cresce naturalmente su terreni umidi in tutta Europa, usata fin dai tempi passati per curare gli stati di esaurimento nervoso è usata in farmacia sia come tisana che come estratto componente medicinali curativi, se ne sconsiglia l'uso nei bambini con meno di sei anni e nelle donne incinte

da , il

    Valeriana

    Delle erbe officinali la Valeriana, conosciuta con il nome di Valeriana officinalis, è nota per le sue proprietà in fatto di rilassamento e di conciliazione del sonno e del riposo. La Valeriana vive in un habitat generalmente umido, nel sottobosco, cresce nelle zone dove c’è muschio e dove ci sono corsi d’acqua che le offrono umidità per crescere.

    Della pianta viene usato tutto il rizoma, la radice si raccoglie nei mesi di primavera, da cui viene ricavato l’estratto secco nebulizzato. Per la sua capacità curativa l’uso è stabilito dalla Farmacologia Nazionale, che ne decreta le quantità per principio e per modalità di impiego.

    La pianta è attiva sul Sistema Nervoso Centrale, esercita una azione sedativa e favorisce e concilia il sonno. La Valeriana può essere usata come erba officinale o come estratto componente farmaceutico, la Valeriana dispert. Usata come tranquillante è molto conosciuta, in alcuni casi viene usata per le malattie del sistema nervoso, insonnia, esaurimento, e iperattività.

    La Valeriana aiuta a prendere sonno velocemente, anche se i suoi effetti non si notano nella seconda parte della notte, hanno durata corta, mentre nei momenti della giornata il trattamento medico comporta rallentamento dell’attività fisica e ipoattività.

    La somministrazione di Valeriana prevede una dose di 300-500 mg di estratto secco (corrispondenti a circa 1,5-2 mg di acidi valerenici) due volte al giorno per un mese o di più alla bisogna.

    La pianta di Valeriana è una pianta perenne, deve il suo nome a Valeria, una zona della Pannonia, dove cresce naturalmente e in abbondanza o secondo Linneo a Re Valerio, che ne usava la tisana.

    Immagini tratte da Pirineo Salto Gallego.com