NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Erbe officinali: Glucomannano

Erbe officinali: Glucomannano

Il Glucomannano è usato principalmente in forma di tisana officinale, ma si può trovare in commercio anche sotto forma di integratore

da in Benessere, Diarrea, Digestione, Erbe officinali, Intestino, Medicine non Convenzionali, Primo Piano, Stitichezza
Ultimo aggiornamento:

    Glucommananno

    Il Glucomannano è una fibra alimentare che aiuta a superare con successo le diete grazie al senso di sazietà che essa regala dopo averne fatto uso alimentare, si può usare sia come erba officinale che sotto forma di integratore, aiuta a recuperare la linea con minore sforzo, specie quando si è soggetti a soffrire di fame e di improvvisa voglia di aprire il frigorifero per mangiare qualcosa di buono.

    Il Glucomannano è conosciuto nella medicina officinale in quanto il suo uso porta al successo delle diete: assorbe facilmente i liquidi e riesce ad aumentare il suo volume gonfiandosi, da cui il senso di appagamento.

    La pianta è conosciuta in botanica con il nome di Amorphophallus konjac koch e appartiene alla Famiglia delle Aracee, della pianta se ne utilizza principalmente il tubero. Le sue origini sono asiatiche, nella pianta sono presenti il glucosio e il mannosio, che si rigonfia anche fino a 80 volte se stesso.


    L’aumento del volume
    determina parecchie conseguenze, aiuta a rilassare le pareti dello stomaco, aiuta a fare diminuire il senso di appetito, migliora la peristalsi dell’intestino durante la digestione e l’assorbimento dei nutrienti.

    La pianta aiuta a eliminare il colesterolo e ad assorbire gli acidi biliari, serve come aiuto nel combattere il meteorismo intestinale in genere.

    Se durante i periodi in cui si soffre di diarrea il suo apporto è utile per guarire, bisogna farne uso parsimonioso nei periodi in cui l’intestino ha attività regolare, il suo consumo potrebbe determinare stitichezza e impossibilità di eliminare le sostanze di scarto, per l’esigua quantità di acqua e di liquidi che consentono una normale attività intestinale.

    Nel caso in cui si verifichi questo inconveniente, unico effetto collaterale attualmente noto della pianta, è sufficiente fare uso nei giorni successivi di tanta frutta e verdura, che consentono di riequilibrare i valori dei liquidi nell’intestino.

    Le informazioni sono tratte dal portale Erbe Officinali.com
    Le immagini sono tratte dal sito internet Il Sentiero.it

    445

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereDiarreaDigestioneErbe officinaliIntestinoMedicine non ConvenzionaliPrimo PianoStitichezza
    PIÙ POPOLARI