Epidermide: le creme protettive

Epidermide: le creme protettive

L'epidermide ha sempre bisogno di essere protetta, di giorno e di notte, ma uno dei primi e più insidiosi pericoli della epidermide è quello della esposizione ai raggi uva e uvb

da in Benessere, Epidermide, Estetica e Trattamenti, Pelle, Primo Piano, Tumori della pelle
Ultimo aggiornamento:

    Pelle

    La pelle va protetta durante tutto l’anno, si tratta di un fatto legato al rischio di esporla ai raggi del sole, non solo durante la bella stagione al mare, ma anche durante la stagione invernale e in città. Ecco perché i prodotti di bellezza riportano delle sigle, che sono precedute da lettere, SPF, IPD, con dei numeri, che indicano il fattore di protezione solare.

    Le creme che proteggono dalla luce solare sono delle creme che sono diffuse in tutto il mondo per la prevenzione di macchie e di malattie che possono anche diventare, oltre che antiestetiche, gravi. I danni della pelle sono per la maggiore causati dalla esposizione ai raggi solari, in alcuni casi si parla anche dell’80% dei danni, mentre nel 20% dei casi i danni sono opera dell’invecchiamento.

    Per questo nelle zone di mare, dove il sole picchia tutto l’anno, si sono presto diffuse le mode a creme protettive che si usano tutto l’anno, mentre in Italia questa tendenza si sta diffondendo ora, che il pericolo causato dai raggi mal filtrati dalla nostra atmosfera è stato quantificato come reale.

    Difendersi con cosmetici che contengono principi antinvecchiamento, idratanti, vitmaine, diventa allora una comoda prassi da realizzare a casa propria con tranquillità grazie al supporto di numerosi prodotti acquistabili in erboristeria, farmacia, centri commerciali e negozi specializzati.

    I danni dei raggi UVA sono cumulativi, sono danni che piano piano diventano sempre più profondi e non scompaiono più, per esempio si tratta delle famose macchie della pelle, si tratta delle increspature e delle rughe di espressione che ingialliscono e imbruttiscono il volto, si tratta di nei che rischiano di degenerare. La pelle invecchia piano piano e i danni sono sempre più evidenti.

    Con delle creme che proteggono dai raggi UVA, da usare anche se si è in luoghi schermati da normali vetri (gli UVA non sono fermati dalle finestre) si riesce a proteggere la pelle e a evitare che si danneggi. Le creme da giorno attualmente in commercio indicano il livello di protezione di UVA e UVB. La sigla SPF indica la protezione contro UVB e la sigla PPD o IPD indica la protezione contro i raggi UVA.

    La gradazione di protezione va scelta principalmente secondo il tipo di pelle, per una esposizione pesante al sole non si deve mai scendere sotto il filtro 15 e nemmeno serve andare oltre il filtro 30, a meno che la pelle non sia davvero molto delicata.

    La crema da giorno, per fare bene, va messa almeno un paio di passate ogni giorno, al mattino e a mezzogiorno, in modo da essere sempre schermati, specialmente se si svolgono lavori che comportano di rimanere molto tempo esposti al sole in automobile o all’aperto. Non importa l’età, la protezione è adatta a tutte le età.

    Le immagini sono tratte dal sito internet di Pavone Risorse.it

    560

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereEpidermideEstetica e TrattamentiPellePrimo PianoTumori della pelle
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI