Emozioni e comportamento alterati dai videogiochi violenti

Emozioni e comportamento alterati dai videogiochi violenti

Una recente ricerca ha messo in evidenza che l’uso dei videogiochi violenti porta a delle alterazioni nelle emozioni e nel comportamento, visto che condizionano il funzionamento del cervello

da in Bambini, Cervello, Comportamento, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    emozioni comportamento videogiochi violenti

    Le emozioni e il comportamento possono subire delle modifiche a causa dell’utilizzo di videogiochi violenti. Lo ha messo in evidenza uno studio condotto dai ricercatori dell’Indiana University School of Medicine di Indianapolis. Gli studiosi hanno rintracciato dei cambiamenti nelle aree cerebrali cognitive e del comportamento di persone che per una settimana si dedicavano a videogames improntati su azioni violente e aggressive. In particolare si attivavano in misura minore il lobo frontale inferiore sinistro e la corteccia cingolata anteriore.

    Da tempo si discute se i videogiochi fanno bene o male e sulla questione si sono avute opinioni contrastanti. Se infatti secondo alcuni i videogiochi favoriscono l’apprendimento, secondo altri proprio i videogames violenti sono uno degli elementi che favoriscono il bullismo.


    Yang Wang, a capo del gruppo di ricerca, ha dichiarato espressamente:

    “Questi risultati indicano che i videogiochi violenti hanno un effetto a lungo termine sul funzionamento del cervello.”

    Ad essere coinvolti sono soprattutto le emozioni e l’aggressività, che risultano fortemente condizionati dal ricorso ai videogiochi violenti. L’effetto sembra essere davvero considerevole. In ogni caso i ricercatori hanno verificato che le alterazioni possono essere eliminate se per un certo periodo di tempo si evita di prendere in considerazione i videogiochi ispirati all’aggressività.

    È opportuno quindi prestare attenzione, specialmente se i fruitori dei giochi sono i bambini e gli adolescenti. Non vanno sottovalutate le conseguenze in cui si può incorrere, anche perché coinvolgono aspetti importanti della personalità.

    Foto di xalk

    330

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniCervelloComportamentoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI