Emicrania con aura: cause e rimedi

Cause e rimedi per l'emicrania con aura? Ecco di cosa si tratta esattamente quando si parla di questo disturbo e come poterlo risolvere

da , il

    Emicrania

    Cause e rimedi per l’emicrania con aura? La differenza tra emicrania e mal di testa sta nel fatto che l’emicrania colpisce un lato soltanto della testa, mentre il mal di testa interessa tutto il capo. L’emicrania con aura è un tipo di cefalea che prende questo nome quando il dolore da un lato della testa è preceduto, accompagnato o seguito da sintomi neurologici di breve durata – dai 5 ai 20 minuti – come formicolii a braccia e mani o alterazioni visive, che si manifestano meno frequentemente e più irregolarmente rispetto all’emicrania senza aura. Ecco di cosa si tratta esattamente quando si parla di emicrania con aura e quali sono le sue cause e rimedi.

    Cause

    I disturbi dell’emicrania con aura provocano scintille, lampi ed annebbiamento della vista, oltre a sensazione tattile ridotta, debolezza, confusione o alterazioni del linguaggio con difficoltà ad esprimersi. Le cause possono essere diverse da paziente a paziente ed il medico può cercare di capire quali siano i fattori scatenanti per consigliare i comportamenti da adottare per evitarli. Ad ogni modo, spesso le cause frequenti di emicrania sono stress fisico ed emotivo – stress che può causare diversi problemi alla salute – squilibrio tra sonno e veglia, fluttuazioni ormonali nelle donne, variazioni meteorologiche, dolori fisici e fumo di sigaretta. Inoltre, la malattia colpisce maggiormente le donne e può essere causata anche da una predisposizione genetica. L’attacco emicranico può essere talmente forte da essere invalidante ed impedire le attività quotidiane.

    Rimedi

    I rimedi contro l’emicrania con aura possono essere forniti da un medico, che farà una diagnosi dopo un’attenta descrizione dei sintomi ed un esame approfondito. La cura prevede una terapia preventiva e l’assunzione di farmaci – dietro prescrizione medica – per bloccare l’attacco di mal di testa nel minor tempo possibile ed i sintomi – come nausea e vomito, ad esempio – quando il dolore è importante ed impedisce le normali attività. Le medicine andrebbero assunte entro la prima mezz’ora dall’insorgenza dell’emicrania, ma le dosi e la tipologia vanno valutate dal medico per via delle loro controindicazioni. Antinfiammatori ed analgesici servono, invece, per le cefalee di minor importanza. Inoltre, tra i rimedi naturali efficaci contro il mal di testa, vi sono degli estratti di piante, oltre a training di rilassamento e ad altre tecniche simili. Infine, è bene ricordare che tra i rischi di un trattamento inadeguato dell’emicrania potrebbe esserci un aumento della sua durata, frequenza ed intensità: non bisogna, quindi, abusare di farmaci analgesici ed antinfiammatori, se il dolore si presenta più di 2-3 volte al mese o se persiste per più di 3-4 giorni; casi in cui bisogna, immediatamente, contattare un medico per evitare di peggiorare il disturbo.