Emergenza: urgenza dalla voce registrata

Emergenza: urgenza dalla voce registrata

Un software permette di leggere le urgenze registrate nelle chiamate del 118 e di capire la causa della chiamata, il confronto degli argoritmi è figlio della università giapponese di Yokohama

da in Ictus, Infarto, News Salute, Pronto Soccorso, Ricerca Medica, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Pronto Intervento

    Le nuove chiamate di emergenza si baseranno su un software adatto ad analizzare e scansionare la voce di chi chiama, l’analisi della voce permetterà anche di decidere quale è il grado di emergenza di chi chiama il 118. Il servizio non è ancora attivo in Italia, ma lo studio per l’applicazione potrebbe presto trovare risposta effettiva.

    Chiamare il numero di emergenza è una operazione che spesso le persone in difficoltà e emergenza, appunto, si trovano a fare, ma un programma sviluppato sulla base dell’analisi della voce delle persone che chiamano consentirà a breve di scandire le priorità di chi telefona per prenotare una ambulanza o un elicottero del pronto intervento.

    Il computer sulla base di un software riuscirà a leggere l’algoritmo della voce, decidendo la gravità della chiamata: la ricerca è stata resa nota ieri dalla BMC Emergency Medicine, un quotidiano on line, essa mostra come l’algoritmo del computer riesce a decidere con una certa precisione della reale urgenza dei casi.

    Il progetto di ricerca è stato condotto da un noto elaboratore di analisi, il dott. Kenji Ohshige, della Università Giapponese di Yokohama: il sistema di analisi delle registrazioni di emergenza riesce a comparare le voci registrate in chiamata e stabilire la priorità dell’intervento.

    Il programma ha una precisione dell’80% dei casi, riesce a capire quando una persona è a rischio di vita, indipendentemente dalle parole che la persona pronuncia, inoltre riesce a leggere gli attacchi cardiaci, respiratori, urgenze e emergenze causate da debolezza e da malore.

    Il vero e proprio programma non è ancora applicato in Italia, anche se lo studio è già stato preso in considerazione in queste ore dal servizio 118 nazionale.

    More information: Evaluation of an algorithm for estimating a patient’s life threat risk from an ambulance call, Kenji Ohshige, Chihiro Kawakami, Shunsaku Mizushima, Yoshihiro Moriwaki and Noriyuki Suzuki, BMC Emergency Medicine (in press), http://www.biomedcentral.com/bmcemergmed/

    406

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN IctusInfartoNews SalutePronto SoccorsoRicerca MedicaSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI