Elisir di lunga vita: un farmaco potrà garantirlo

Elisir di lunga vita: un farmaco potrà garantirlo

Ma esisterà mai una pillola del genere? forse si, ma converrebbe anche immaginare che un tale farmaco esisterà nella misura in cui si sarà capace di “leggere” i nostri geni e da lì risalire a quei fattori di disturbo, se vogliamo chiamarli così, che alla fine interferiscono pregiudicando lo stato di benessere dell’individuo sano

da in Alzheimer, Benessere, Colesterolo, Farmaci, Malattie, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    elisir di lunga vita

    Il futuro, quanto più lungo possibile ed al riparo da malanni, malattie e, soprattutto, con una qualità della vita alta, è tutto riposto su una pillola che non solo potrebbe dare la possibilità di vivere più a lungo alla stregua di quanto potrebbe fare un elisir di lunga vita, ma, addirittura, potrebbe anche tenere sotto controllo, fino a sconfiggerle, malattie importanti, quali l’Alzheimer, il diabete e via di seguito.

    Ma esisterà mai una pillola del genere? forse si, ma converrebbe anche immaginare che un tale farmaco esisterà nella misura in cui si sarà capace di “leggere” i nostri geni e da lì risalire a quei fattori di disturbo, se vogliamo chiamarli così, che alla fine interferiscono pregiudicando lo stato di benessere dell’individuo sano.

    Non solo, sarà domani possibile studiare una sorta di “ diario “ di bordo individuale riguardo ai malanni cui ogni individuo potrebbe andare incontro nel corso della vita, ecco perché, forse, più che curare da malattie importanti, quali l’Alzheimer, il diabete, l’ipercolesterolemia etc, si potrà conoscerle prima che esse si presentino e dunque controllarle per tempo.

    Si capisce dunque bene che non di un vero e proprio farmaco si tratta quando parliamo di quel delicato meccanismo di controllo delle gravi malattie invalidanti, alla cui sconfitta, fra l’altro partecipa anche un sensibile aumento della durata e della qualità della vita, semmai ci riferiamo ad una tecnica rappresentata da un controllo di marcatori genetici di cui almeno tre già conosciuti, specificatamente quelli che controllano il colesterolo buono e prevengono il diabete.

    Se si riuscirà a replicare in laboratorio tale tecnica per poi esportarla sull’uomo ed al contempo si riuscirà a trasferire tutto ciò in una scelta terapeutica, potremo parlare di farmaco in grado di comportarsi da vero elisir di lunga vita, ma la strada per giungere a ciò è ancora lunga e la prevenzione che in atto possiamo attuare è ancora affidata ai tradizionali sistemi collaudati e conosciuti.

    400

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlzheimerBenessereColesteroloFarmaciMalattiePrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI