Eiaculazione precoce: la campagna

Eiaculazione precoce: la campagna

L'eiaculazione precoce nel maschio è un disturbo diffuso sia tra i giovani che tra gli adulti, che ora è oggetto di campagna informativa per aiutare a affrontare il problema con serenità

da in Adolescenti, Disturbi sessuali, Malattie, Ricerca Medica, Salute Uomini, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Tra i disturbi del maschio in età sessuale attiva, uno dei più diffusi è quello della eiaculazione precoce. Il maschio che ne soffre difficilmente esce allo scoperto con spontaneità, più spesso accade che invece si tenga per sé il problema chiudendo le strade della sua vita sessuale con sofferenza. Ecco allora che, di fronte all’emergenza giovanile e alla frustrazione degli adulti, la Società italiana di Andrologia, conscia dei problemi del maschio, ha così deciso di cominciare la Campagna contro la EP – Eiaculazione Precoce.

    Tutte le strutture sanitarie italiane sono chiamate a partecipare alla iniziativa di informazione che riguarda il maschio, per fare in modo che sia fatta conoscere la patologia ai più, dando coraggio per uscire allo scoperto e affrontare le cure possibili.

    Una nuova soluzione terapeutica, da poco disponibile in Italia, a base di Dapoxetina, come poco tempo fa abbiamo reso noto su queste pagine, consente di agire sulla serotonina innescando un processo di reattività positiva del maschio.

    Studi hanno dato dimostrazione del riflesso eiaculatorio, in risposta agli stimoli, l’aumento dei livelli di serotonina aiuta a inibire la eiaculazione precoce, permettendo ai maschi che sono malati di recuperare la normale attività sessuale.

    Il farmaco può essere prescritto ai maschi che ne abbiano bisogno dal medico di base, l’età che può essere considerata va dai 18 ai 64 anni, disponibile solo su prescrizione medica e da assumere da 1 a 3 ore prima del rapporto sessuale.

    Le immagini sono tratte dal sito internet degli studi su eiaculazione per Dapoxetina

    313

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiDisturbi sessualiMalattieRicerca MedicaSalute UominiSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI