Eczema, dermatiti e allergie della pelle: come riconoscerle e curarle

Diversi sono i problemi relativi alla pelle: tra questi, eczemi, dermatiti e allergie, possono essere disturbi abbastanza comuni, per la maggior parte di lieve entità, anche se in alcuni casi possono dar sfogo a sintomi più seri. Per questo è importante riconoscerle e curarle tempestivamente.

da , il

    Come riconoscere e curare eczemi, dermatiti e allergie della pelle? Uno dei capitoli più fastidiosi e irritanti che riguarda i piccoli e grandi problemi di pelle è proprio quello che contempla i casi di eczemi, dermatiti e allergie varie. Questo tipo di disturbi, oltre ad essere problematici di per sé, spesso incidono sulla qualità della vita della persona che ne è soggetta. Per questo è importante saper riconoscere le varie tipologie e stabilire rapidamente la terapia più adatta, in modo da arginare possibili complicazioni estetiche e psicologiche.

    Eczema

    L’eczema è una patologia cutanea decisamente frequente perchè costituisce il 30-50% di tutti i problemi di tipo dermatologico.

    L’eczema è caratterizzato da un insieme di dermatiti a carattere infiammatorio, non contagioso, che colpiscono la superficie della pelle con la comparsa di arrossamenti e vescicole sierose che si rompono, lasciando delle antiestetiche crosticine.

    Le zone più spesso interessate sono il volto, il collo, le ascelle, l’inguine, le pieghe dei gomiti e quelle dei ginocchi, le mani e le braccia. L’eczema può essere localizzato, ovvero presente in una zona limitata della superficie cutanea, oppure esteso più o meno diffusamente. In molti casi le lesioni si presentano in modo simmetrico.

    Per riconoscere e curare un eczema occorre una visita dermatologica che individui la cura farmacologica più adatta, di solito rappresentata da farmaci da applicare localmente, con l’aggiunta di farmaci da applicare localmente nei casi più gravi.

    Dermatiti

    Col termine dermatiti vengono indicate tutte quelle malattie infiammatorie della pelle che si manifestano in genere con prurito, eritema, vesciche e in alcuni casi croste. Generalmente, si usano i termini di eczema e dermatite come fossero sinonimi, ma nel primo caso sono presenti anche edemi ed essudato, sintomi che non vengono percepiti in soggetti colpiti dalle dermatiti.

    Anche in questo caso, le tipologie della dermatite sono caratterizzate da cause e sintomi propri:

    Tipo di dermatiteCauseSintomi
    Da contattoContatto diretto con sostanze allergiche e irritantiVescicole, prurito, eruzione cutanea nella zona di contatto
    AtopicaSi sospetta sia di carattere ereditarioPrurito intenso, eritema, vescicole sierose,
    SeborroicaIgnote ma si ipotizza un’atrofizzazione dei capillari periferici provocata dal maggiore livello di cortisolo e adrenalina secreti per motivi di stressDesquamazione della pelle, arrossamento, croste, prurito, caduta di peli e capelli, pelle untuosa
    FototossicaRaggi ultravioletti ed esposizione solareIpopigmentazione, eruzione cutanea, bolle sierose, bruciore
    XeroticaAlimentazione scorretta, disidratazione, sbalzi di temperatura, età avanzataSecchezza ed esfoliazione della pelle, arrossamento, irritazione, prurito, tagli
    DisidrosiProblemi allergiciNumerose vescicole ricolme di siero distribuite su dita e mani, prurito, dolore, gonfiore dei linfonodi
    Venosastasi venosa degli arti inferioriIperpigmentazione e assottigliamento cutaneo, prurito, ulcerazioni, intorpidimento e dolore delle gambe, gonfiore
    Erpetiformecorrelata alla celiachiaVescicole rosso fuoco piene di liquido, intenso prurito, diarrea, dolori addominali, stanchezza

    In questi casi occorre una visita dermatologica specialistica per individuare la causa scatenante. Nel caso la dermatite sia provocata da un agente esterno, la prima cosa da fare è di evitare il contatto e/o l’esposizione all’agente stesso. Tuttavia, il trattamento della dermatite varierà in funzione della forma di cui si soffre.

    Orticaria

    L’orticaria è il modo con cui a volte la pelle reagisce alle allergie, alle irritazioni da contatto e allo stress. L’eruzione che ne deriva, in genere intensamente pruriginosa, dura al massimo un paio di giorni.

    A provocarla possono essere varie cause, tra cui l’allergia ai farmaci o ad alcuni cibi, il contatto con alcuni tipi di piante, appunto l’ortica, punture di insetto o emozioni violente.

    In questi casi possono essere d’aiuto delle pomate ad uso locale. Se l’orticaria è frequente, il medico prescriverà degli antistaminici per uso orale. Talvolta, l’orticaria regredisce spontaneamente, senza bisogno di farmaci o cure specifiche.

    L’importanza della prevenzione

    Per la prevenzione di malattie come eczemi, dermatiti e allergie della pelle, valgono come consigli generali:

    • Acquistare sempre prodotti cosmetici certificati e di qualità, scegliendoli rigorosamente ipoallergenici
    • Utilizzare detergenti non aggressivi per la pulizia della pelle
    • Controllare l’alimentazione evitando cibi a rischio come fragole, pesche, arachidi e crostacei
    • Scegliere vestiti in fibra naturale, prediligendo seta, cotone e lino. No invece ai tessuti sintetici come viscosa e poliestere, che facilitano la sudorazione

    Rimedi naturali

    I problemi della pelle di natura lieve, come eczemi, dermatiti e allergie, sono un estetismo della pelle, talvolta anche doloroso, che può contare su rimedi naturali efficaci, preparati in casa senza l’uso di sostanze chimiche che potrebbero, in alcuni casi, peggiorare la situazione. Tra questi i principali sono:

    Gel Aloe vera

    L’aloe vera è uno dei rimedi naturali più popolari e utilizzati in caso la pelle presenti bruciore o arrossamenti, grazie alle sue proprietà lenitive e calmanti. Si tratta di acquistare preferibilmente del gel d’aloe vera biologico in erboristeria, che sia il più possibile puro e che non contenga profumazioni aggiunte o altri ingredienti che possano contribuire ad irritare la pelle.

    Bicarbonato di sodio

    Il bicarbonato di sodio è un rimedio naturale lenitivo indicato per la cura di dermatiti ed eczemi. Il consiglio è quello di utilizzarlo aggiungendolo all’acqua della vasca per un bagno lenitivo e antinfiammatorio della pelle. Oppure si può immergere un panno in acqua e bicarbonato da applicare sulla pelle come un impacco.

    Aceto di mele

    L’aceto di mele ha ottime proprietà antibatteriche e antifungine adatte in particolare per la cura della pelle. Il consiglio è di applicare di tanto in tanto dell’aceto di mele mescolato con acqua in parti uguali come rimedio utile per ridurre il prurito e la secchezza cutanea. L’aceto di mele, assunto come alimento, può contribuire a ridurre l’infiammazione della pelle.

    Camomilla

    Da sempre nota per le sue proprietà calmanti e lenitive, la camomilla è indicata in caso di dermatiti ed eczemi. si può assumere semplicemente come tisana per agire dall’interno e ridurre lo stress che potrebbe essere tra le motivazioni della comparsa delle malattie cutanee. Ma è anche possibile preparare un normale infuso di camomilla, lasciarlo raffreddare o almeno intiepidire, e applicarlo sulla pelle con un panno umido come impacco.

    Vitamina C

    Il consumo di Vitamina C riduce i rischi d’insorgenza di allergie della pelle. Gli esperti, infatti, raccomandano l’assunzione giornaliera di 1000 mg di questa vitamina per apportare evidenti benefici all’aspetto esteriore della pelle ma anche a quello interno perchè aiuta a nutrire e rigenerare le cellule.