Donne: sono più perfezioniste degli uomini

Donne: sono più perfezioniste degli uomini

Le donne tendono ad essere più perfezioniste degli uomini, in quanto ad esse viene attribuita maggiore responsabilità sociale

da in Benessere, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    donne

    Donne e uomini differiscono spesso nei modi in cui si rapportano alla realtà e nei comportamenti e nelle strategie che mettono in atto nella loro vita quotidiana. Da una ricerca condotta presso l’Auburn University in Alabama è emerso che le donne tendono ad essere rispetto agli uomini maggiormente esigenti con se stesse in tutte quelle attività che riguardano il loro operato nel lavoro o nell’ambito della famiglia e per questo sono maggiormente inclini a provare sentimenti di inadeguatezza e sconforto.

    Tutto ciò ha in realtà una spiegazione che affonda le sue radici nella società di oggi e nelle sue caratteristiche. Nella società attuale infatti alla donna viene richiesto spesso un impegno oneroso nel suo dover essere madre e moglie e contemporaneamente anche donna in carriera. Questa richiesta sociale insistente porterebbe la donna a ricercare un senso di perfezione, che in realtà è molto difficile da raggiungere.

    Si scatenano allora veri e propri sensi di colpa, dai quali gli uomini sembrerebbero interessati in misura minore.

    Gli uomini dalla ricerca si sono rivelati più fiduciosi nel mettere in atto le loro capacità e perciò meno propensi a provare sentimenti di inadeguatezza. Un altro passo avanti si è quindi compiuto nel comprendere i punti che distinguono i due sessi, per arrivare a renderci conto di come le differenze spesso costituiscono una ricchezza da valorizzare.

    La responsabilità sociale attribuita alle donne è indice del ruolo importante che esse occupano in seno alla nostra società come protagoniste attive di un mondo complesso che ha necessità di individui in grado di adattarsi a svolgere funzioni molteplici da integrare e da armonizzare.

    Immagine tratta da: www.blogscienze.com

    325

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenesserePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI