NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Donne: se ottimiste vivono più a lungo

Donne: se ottimiste vivono più a lungo

Una ricerca statunitense è riuscita a dimostrare che le donne più ottimiste vanno incontro di meno a malattie cardiovascolari e vivono più a lungo

da in Apparato cardiovascolare, Mente, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    mente

    Le donne più ottimiste vivono più a lungo. Sembra un luogo comune, ma non lo è. Si tratta di un principio che è stato dimostrato scientificamente. In realtà già da tempo sono noti gli effetti che una buona disposizione mentale ha sulla qualità della vita in generale. Il benessere di ognuno di noi dipende anche dalla nostra capacità di guardare positivamente agli eventi della nostra esistenza.

    In particolare, come dimostra uno studio statunitense pubblicato sulla rivista “Circulation”, l’ottimismo nelle donne determinerebbe il portare avanti uno stile di vita più sano e l’implicazione di una minore incidenza di problemi cardiovascolari.

    Gli studiosi dell’Università di Pittsburgh hanno preso in considerazione 97.000 donne fra i 50 e i 79 anni di età e sono giunti alla conclusione che, nell’arco di tempo di otto anni, le donne più ottimiste presentavano un tasso di mortalità inferiore del 14% rispetto alle altre. Le donne pessimiste in genere presentavano il 9% in più di malattie coronariche e il 30% in più di problemi a livello cardiovascolare.

    Tutto ciò sarebbe determinato dal fatto che una visione più fiduciosa della vita porterebbe i soggetti a condurre uno stile di vita più sano, ma anche a rafforzare il proprio sistema immunitario e quello nervoso.

    Le emozioni negative al contrario sono in grado di determinare nel nostro corpo e nella nostra mente uno stato continuo di stress che può nuocere alla salute.

    Risiede in noi dunque la capacità di fare in modo che il nostro atteggiamento nei confronti degli eventi sia il più positivo possibile, in modo da salvaguardare il nostro stato di benessere generale.

    Immagine tratta da: rete5.tv

    329

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato cardiovascolareMentePrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI