Donne: le bionde sono più aggressive

Donne: le bionde sono più aggressive

Una recente ricerca ha messo in evidenza il fatto che le bionde tendono ad essere più aggressive delle more

da in Comportamento, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    donne

    Sembra strano che in termini di comportamento ci siano differenze tra bionde e more. Eppure lo hanno provato i ricercatori dell’University of California, che sono riusciti a dimostrare come le donne che hanno un colore più chiaro dei capelli siano più inclini all’aggressività. Gli studiosi hanno individuato anche precise ragioni.

    Le bionde sarebbero più determinate e più disposte a mostrare il loro lato aggressivo perchè sono consapevoli del fatto che gli uomini manifestano più attenzione nei loro confronti che verso le donne che hanno i capelli di un colore più scuro. Questa consapevolezza li porterebbe ad essere più disposte a raggiungere un certo successo sociale, in nome del quale sanno essere molto determinate.

    Ciò non vuol dire che le bionde sono disposte più facilmente delle more a farsi coinvolgere in vere e proprie risse, infatti gli studiosi che hanno portato avanti la ricerca hanno escluso questo elemento. Si tratta soltanto di una tendenza a mettere in atto atteggiamenti più forti. Naturalmente i risultati dello studio vanno presi con molta cautela.

    Si deve infatti tenere presente che si tratta di un’analisi che si riferisce ad una media con la quale non è possibile generalizzare.

    In ogni caso la ricerca appare piuttosto curiosa e potrebbe essere il punto di partenza per comprendere anche come elementi che di solito sembrano ininfluenti possono a volte rivelarsi fonte di condizionamento sociale.

    D’altronde non va dimenticato che ci relazioniamo agli altri anche per come appariamo esteriormente e in base a ciò gli altri si aspettano da noi, anche implicitamente, che ci comportiamo in un modo ben preciso. Condizionamenti che ci possono anche influenzare.

    Immagine tratta da: bellezza.pourfemme.it

    355

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ComportamentoPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI