Donazione midollo osseo: requisiti e come funziona

Donazione midollo osseo: requisiti e come funziona

La donazione di midollo osseo è un gesto di solidarietà importante, che può dare una nuova speranza di vita a una persona malata: ecco i requisiti da avere e come funziona

da in Sangue, Sanità, midollo-osseo
Ultimo aggiornamento:

    donazione midollo osseo

    Donare, si sa e lo dice anche la parola stessa, è un gesto di estremo altruismo, che implica privarsi di qualcosa a beneficio di qualcun altro. Quando la donazione è di midollo osseo, il significato del gesto è ancora più complesso e importante: donare, in questo caso, significa dare nuova speranza a una persona malata. Basta un piccolo prelievo, qualche analisi e tanta buona volontà per fare a uno sconosciuto il dono più bello, quello della vita. Ecco i requisiti per diventare donatore e come funziona la donazione.

    Il midollo osseo

    Spesso confuso o poco conosciuto, il midollo osseo, definito più tecnicamente midollo emopoietico, si preleva, solitamente dalle ossa del bacino. In tutto e per tutto, almeno a prima vista, simile al sangue, il midollo osseo ha un compito davvero prezioso, quello di formare nuove cellule sanguigne per sostituire quelle morte o non più in grado di esplicare la loro funzione.

    La donazione, come funziona

    Nulla di troppo complicato, anzi. Per diventare donatori basta rivolgersi a uno dei numerosi centri donatori sparsi su tutto il territorio italiano, scegliendo quello più vicino. Il primo “passo”, presso il centro specializzato, è il prelievo di un campione di sangue, seguito dalla firma di adesione al registro italiano donatori midollo osseo. La firma non deve spaventare: più che un impegno vincolante, è un impegno morale.


    Il campione di sangue prelevato viene sottoposto a una serie di analisi, per poi essere inserito in un archivio dedicato. Il “lavoro” dell’aspirante donatore finisce qui, fino a quando si riscontro la compatibilità con un paziente. In questo momento, rientra in gioco, per essere sottoposto a ulteriori prelievi ed esami, necessari per la verificare ulteriormente la compatibilità e per completare la donazione vera e propria.

    Il donatore, i requisiti necessari

    L’età minima, soprattutto per questioni legali più che sanitarie, per diventare donatori di midollo osseo è 18 anni. Tutte le persone di età compresa tra i 18 e, preferibilmente, i 35 anni, con un peso corporeo superiore a 50 kg, sono da considerare i donatori ideali. L’età limite, oltre la qualche il donatore abbandona il suo ruolo e va in “pensione”, è fissata a 55 anni.

    L’età, il peso, ma non solo. Il requisito più importante di tutti non è questione di anagrafe o di bilancia, ma di stato di salute. Infatti, il donatore di midollo osseo non deve essere affetto da nessuna malattia del sangue, da infezioni o da patologie croniche gravi, per poter donare il midollo osseo in completa sicurezza.

    507

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN SangueSanitàmidollo-osseo
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI