Dolore: per quello cronico diagnosi e terapia sempre in ritardo

Dolore: per quello cronico diagnosi e terapia sempre in ritardo

Il dolore cronico è considerato un problema sanitario ma anche sociale, secondo i dati ottenuti da un’indagine, le donne sarebbero le più colpite con diagnosi e cure in ritardo

da in Diagnostica, Dolore, Malattie, News Salute, Primo Piano, Salute Donna, Terapie
Ultimo aggiornamento:

    dolore cronico terapia

    Il dolore cronico, purtroppo, è ancora caratterizzato da diagnosi e terapia sempre più in ritardo. I pazienti affetti da questo tipo di patologia si accorgono della gravità della situazione solo dopo molto tempo: forte errore, data la necessità di tempi ristretti sia nel diagnosticare che nel trattare il dolore cronico. Quest’ultimo è considerato tale quando persiste per oltre sei mesi senza che nessuna metodica clinica riesca ad alleviarlo.

    Le donne sono le persone che soffrono di più di dolore cronico, rispetto agli uomini. Questi dati sono stati sottolineati dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (Onda) che si è occupato del dolore neuropatico, e sono stati presentati a Milano. Questi risultati sono stati ottenuti da studi condotti su 400 pazienti, dei quali il 66% erano donne e il 34% uomini, con un’età compresa tra i 24 e gli 82 anni. Durante l’indagine gli studiosi hanno scoperto come alcuni pazienti si presentarono alla prima visita solo dopo 4 anni sino a 23 anni di episodi di dolore continuo.

    Inoltre l’intensità (calcolato su una scala da 5 a 10) di quest’ultimo era di circa 8,07, addirittura, in alcuni casi considerato insopportabile. I pazienti, che presentavano tale dolore, erano affetti da varie patologie: in particolar modo neuropatia tiroidea, dolore al trigemino, bruciore della mucosa orale, ma anche lesioni causate da traumi da lavoro o da incidenti stradali e forme post-ischemiche. Per una percentuale più bassa le conseguenze possono essere emotive o psichiche ma anche lavorative. Il problema del dolore cronico riveste particolare importanza sia nel campo sanitario, sia lavorativo, sia sociale. Ecco perché è necessario che gli esperti nel campo si riuniscano e si prendano delle decisioni importanti per avere una diagnosi ed una cura precoce.

    341

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DiagnosticaDoloreMalattieNews SalutePrimo PianoSalute DonnaTerapie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI