Dolore cronico: convivenza quotidiana

Dolore cronico: convivenza quotidiana

Sono circa 12 milioni gli italiani che soffrono di malattie legate alla patologia del dolore cronico, una patologia chiara, con sintomi specifici, che solo nel 7% dei casi è legata alle malattie come il cancro ed il tumore

da in Antidolorifici, Antinfiammatori, Benessere, Dolore, Farmaci, Sanità, Dolore cronico
Ultimo aggiornamento:

    Dolore Cronico

    Il dolore cronico è un compagno di vita di molte persone, che si trovano a dover soffrire ogni giorno di mali che non si possono combattere con i farmaci, perché sarebbe troppo pesante da sopportare per il corpo e non si possono nemmeno trascurare. Nelle fasi acute si usano medicinali che alleviano il dolore, ma poi? Come conviverci?

    Il dolore cronico va curato, parola della OMS, che ha deciso di impugnare il problema dei malati di dolore cronico, una patologia per niente generica, bensì profondamente delineata nelle sue caratteristiche specifiche, che ha un costo sociale altissimo, dovuto alle assenze dal lavoro, alla farmacologia necessaria e alle terapie spesso non giuste che sono prescritte al paziente prima che sia diagnosticata la malattia specifica.

    Secondo le statistiche dell’Istat le persone che soffrono di dolore cronico nel 23% dei casi hanno avuto ripercussioni sullo stile di vita, nel 20% dei casi hanno perso il lavoro e nel 28% dei casi è dovuto ricorrere a lavori di classe inferiore per non dover rinunciare all’impiego completamente.

    Le persone che soffrono di più di dolore cronico hanno in media sui 40/50 anni e la diffusione maggiore è in Italia e in USA, seguiti dalla Norvegia e dal Belgio e Polonia. In Italia i malati di dolore cronico sono circa 12 milioni. E solo per il 7% di loro il dolore dipende o p stato causato dal cancro.

    Mal di schiena, mal di testa, male alle ossa, le persone che soffrono di dolore cronico sono use all’acquisto e al consumo di farmaci antidolorifici e di antinfiammatori, usano anche oppioidi di derivazione e morfinanti, ma nuove prospettive avanzano per il trattamento delle sindromi dolorose.

    Il 25 marzo scorso in occasione della conferenza Stato-Regioni è stata approvata la proposta di Fazio nel destinare a progetti sul dolore 100 milioni di euro.

    Il ministero ha poi stanziato 300 mila euro per il 2008 per un progetto pilota di tutor per formare medici di famiglia in Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Sicilia (1).

    1. Corriere della Sera
    Le immagini sono tratte dal Blog di Panorama

    426

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntidolorificiAntinfiammatoriBenessereDoloreFarmaciSanitàDolore cronico
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI