Dolore: cosa può indicare una fitta al fianco

Una fitta al fianco può essere il sintomo di disturbi diversi che possono interessare l’intestino, le vie urinarie o la colecisti

da , il

    dolore fitta fianco

    A volte ci capita di avvertire una fitta al fianco che può essere davvero fastidiosa e ci può mettere in allarme, perché non sappiamo di che cosa si tratta nello specifico. La prima cosa dare, se il disturbo persiste, è quella di rivolgersi ad uno specialista, visto che il dolore può avere cause non sempre individuabili con certezza.

    Per prima cosa è necessario capire precisamente in quale regione addominale è avvertita la sensazione di dolore. Se il dolore si avverte nella regione alta, potrebbe essere coinvolta la regione epatica e possiamo trovarci in presenza di una colecisti. La colecisti può ospitare dei calcoli, la cui formazione è dovuta ad un eccesso di colesterolo o di calcio. Se il dolore interessa invece la parte bassa dell’addome, la causa va ricercata nella zona dell’intestino o nelle vie urinarie.

    Altre volte il dolore può essere dovuto soltanto ad una tensione della parte dei muscoli dell’addome, che si può verificare in seguito ad uno sforzo fisico o all’assunzione di cibo. Particolare attenzione bisogna prestare se il dolore al fianco destro è accompagnato da altri sintomi che coinvolgono l’intestino, come per esempio la diarrea. In questo caso la causa delle fitte è da attribuire proprio ad un disturbo dell’intestino.

    Soltanto accertamenti precisi permettono di trovare con sicurezza il motivo del malessere. In ogni caso è possibile mettere in pratica alcuni semplici accorgimenti, per evitare che i sintomi diventino più acuti. Innanzi tutto è bene non mangiare troppo o troppo in fretta. Da evitare anche gli sforzi eccessivi compiuti subito dopo i pasti ed è opportuno rinunciare ai fritti e ai cibi grassi.