NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Dolore allo sterno: sintomi, cause e rimedi

Dolore allo sterno: sintomi, cause e rimedi
da in Dolore

    dolore allo sterno sintomi cause rimedi

    Dolore allo sterno: quali sono i sintomi, le cause e i rimedi. Considerato che questa sensazione dolorosa interessa il centro del torace, può far pensare anche ad un attacco di cuore. E’ vero che i problemi che interessano l’apparato cardiovascolare si manifestano con il dolore toracico, però, all’origine del dolore, ci possono essere anche altre cause. Bisogna sempre considerare la varietà delle manifestazioni sintomatologiche, con cui il dolore si presenta: si può estendere alla schiena, alle spalle, alle costole, può comportare una fatica a respirare, si ha sotto sforzo, è alto o basso. E’ proprio attraverso la considerazione di tutti questi elementi che si può effettuare una specifica diagnosi.


    Considerando i sintomi del dolore allo sterno, bisogna vedere se esso si manifesta a destra o a sinistra, se si ha anche appena svegli o se si presenta a riposo. Il dolore si può avere durante la notte, si può manifestare con movimento, da sdraiato e può essere continuo o intermittente. Può comportare il bruciore di stomaco, concentrandosi alla bocca dello stomaco, oppure può interessare la parte dello sterno centrale.

    A volte si può irradiare, fino a coinvolgere il braccio destro o quello sinistro. Può essere accompagnato dalla difficoltà a respirare, da un senso di oppressione al torace, da un senso di pressione anche ad altre parti del corpo, come le spalle, le braccia, il collo e la schiena, e può comportare la comparsa di nausea, vertigini e sudorazione. A volte può essere associato a sintomi come l’accelerazione del ritmo cardiaco e l’iperventilazione.


    Molto varie possono essere le cause del dolore allo sterno. A volte esso è rapportabile a patologie cardiache. Si può trattare di angina, spasmo coronarico, attacco cardiaco, pericardite, miocardite. A volte il problema è causato da patologie che interessano il pancreas e la cistifellea. Anche la colecistite e i calcoli biliari possono provocare questo tipo di sensazione dolorosa.

    A volte il tutto è riconducibile a malattie che interessano i polmoni, dalla bronchite, riscontrabile anche nei bambini, a situazioni più gravi come l’embolia polmonare o la pleurite, che è un’infiammazione della membrana che ricopre i polmoni. In tutti questi casi il dolore allo sterno può essere accompagnato dalla tosse, anche secca. I problemi gastrointestinali, come gastrite, reflusso gastroesofageo ed ernia iatale, possono provocare il dolore allo sterno, che si manifesta dopo mangiato, con stomaco gonfio.

    Quest’ultimo può essere causato anche da malattie che interessano l’apparato muscolo-scheletrico. Ce ne possiamo accorgere da un dolore davanti e dietro, che si manifesta specialmente durante i movimenti e che può andare avanti anche da mesi. Il dolore può estendersi in questi casi spesso a dietro la schiena o a livello intercostale. Cosa può essere? Si può trattare di fibromialgia o di infiammazione della cartilagine della gabbia toracica.

    Anche in seguito ad un trauma, dopo una botta o dopo un incidente, durante la corsa o a causa di ferite, si può manifestare questo tipo di dolore: è possibile che ci sia un problema di nervi schiacciati o di costole rotte. A volte il dolore è da rapportare a problemi di ansia, stress e attacchi di panico, con palpitazioni, fiato corto, mancanza di respiro e fitte, o, più banalmente, ad un colpo di freddo.


    La cura per il dolore allo sterno varia in base alla patologia che sta alla base del problema. Se il tutto è riconducibile ad un attacco cardiaco o ad un problema cardiovascolare, è bene recarsi subito al pronto soccorso, per verificare la correttezza della diagnosi. In questo caso i medici possono intervenire con farmaci adeguati oppure, se il problema è particolarmente grave, con un intervento chirurgico.

    A volte è necessario prescrivere alcuni medicinali, per impedire la coagulazione del sangue, per favorire il flusso sanguigno verso il cuore e per abbassare la pressione. Si ricorre spesso ad anticoagulanti, aspirina, betabloccanti, trombolitici e nitroglicerina. Nel caso delle patologie polmonari possono essere utili anche gli antidolorifici, specialmente in caso di pleurite.

    Se si tratta di gastrite o di disturbi gastrointestinali, sono utili gli antiacidi e, in generale, i farmaci che bloccano l’acidità gastrica. Le patologie muscolo-scheletriche di solito vengono trattate con il riposo e i farmaci antinfiammatori non steroidei. Se il dolore allo sterno è causato da problemi di stress, è necessario modificare il proprio stile di vita, per arrivare ad una condizione di più elevato benessere psicofisico.

    908

    PIÙ POPOLARI