Dolore al braccio sinistro: come capire se si tratta di infarto

Dolore al braccio sinistro: come capire se si tratta di infarto
da in Artrosi cervicale, Dolore, Infarto
Ultimo aggiornamento: Domenica 10/04/2016 08:19

    dolore al braccio sinistro infarto

    Il dolore al braccio sinistro, che si irradia fino alla spalla, può destare preoccupazione, in quanto potrebbe indicare di essere in presenza di un infarto. In realtà non è sempre così, perché si potrebbe trattare anche di un altro problema. Spesso il sintomo è accompagnato da un formicolio alla mano o si può manifestare di notte. Subito si entra in allerta, ma non si tiene in considerazione che il tutto potrebbe essere dovuto ad esempio alla cervicale. Non tutto è rapportabile al cuore. Meglio quindi rivolgersi al medico, specialmente se la sensazione dolorosa si protrae da giorni.

    Sintomi dell’infarto

    I sintomi di un infarto non sono spesso univoci. Infatti non basta un dolore al braccio, per poter affermare che ci troviamo in questa condizione. Dobbiamo invece considerare, nel suo insieme, una complessa sintomatologia. Questa comprende innanzi tutto dolore al torace, che dall’inizio è intenso, di lunga durata e non varia nella sua intensità. Il soggetto che incorre in un infarto prova un senso di oppressione, una sensazione di peso a livello toracico e a volte anche un bruciore al petto. Possono insorgere anche la nausea e il vomito e si è in preda ad una certa agitazione, con difficoltà a respirare. Si suda freddo ed è difficile rilevare il battito al polso.

    L’irradiazione del dolore

    Il dolore può irradiarsi anche verso altre sedi, partendo dal centro del petto e passando al collo fino al mento. Può interessare tutte e due le braccia o solo un arto. Ma l’irradiazione è soltanto una possibilità, infatti non si deve attendere questa evoluzione, prima di chiamare aiuto.

    Quando si tratta di cervicale?

    Il dolore al braccio sinistro potrebbe indicare anche un problema di cervicale. In questo caso, pur continuando a camminare e a compiere le normali azioni della vita quotidiana, il soggetto presenta delle rigidità e una sensazione dolorosa frequente. Fra gli altri sintomi ci sono anche una sensazione di testa vuota e la nausea. In questo caso si potrebbe trattare di una verticalizzazione del rachide cervicale, accompagnata da protrusioni discali.

    Quando è neuropatia?

    Spesso il dolore può essere diffuso e non diminuisce anche se ricorriamo agli antinfiammatori. Il tutto può essere accompagnato da una perdita di sensibilità, con fitte sotto il bicipite, nella parte bassa esterna della spalla e all’avambraccio superiore, vicino all’interno gomito. Si potrebbe trattare in questo caso di neuropatia, un’infiammazione dei nervi dal collo al braccio. Il problema interessa in casi come questo una o più radici nervose sensitive del midollo spinale.

    520

    LEGGI ANCHE