Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività: la causa è genetica

Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività: la causa è genetica

ADHD, il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività, una malattia che colpisce molti bambini, potrebbe avere, secondo un recente studio britannico una causa genetica

da in Bambini, DNA, In Evidenza, Malattie, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    ADHD, la causa è genetica

    ADHD, quattro lettere, una sigla per indicare una patologia: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività, che, secondo le ultime evidenze scientifiche, potrebbe avere una causa ben precisa, un responsabile che si annida nel Dna. Stando a una ricerca britannica, condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università di Cardiff, l’ADHD potrebbe avere una causa genetica.

    Lo studio clinico, che ha coinvolto 366 bambini e adolescenti affetti dalla patologia, di età compresa tra i 5 e i 17 anni, i cui dati sono stati confrontati con quelli di circa mille bimbi sani, pubblicato sull’autorevole rivista Lancet, ha evidenziato un filo sottile che collega la malattia proprio ai geni.

    Infatti, il disturbo, secondo gli scienziati del Regno Unito, è riconducibile a differenze riscontrabili nel cervello dei bambini affetti da ADHD: le differenze sono provocate da segmenti del Dna, duplicati o mancanti e, in particolare, la sovrapposizione principale, è stata identificata in una regione specifica sul cromosoma 16, già coinvolta in altre malattie psichiatriche, come la schizofrenia.

    L’ADHD è un disturbo psichiatrico, uno dei più comuni nei bambini: caratterizzato da un marcato livello di disattenzione e una serie di comportamenti anomali, indici di iperattività e impulsività superiori al normale.


    “I risultati di questo studio rappresentano un significativo avanzamento per la ricerca scientifica nell’ambito delle neuroscienze e offrono un’ulteriore conferma rispetto all’origine neurobiologica dell’ADHD” ha commentato il Prof. Paolo Curatolo, Primario della Clinica di Neuropsichiatria Infantile Dipartimento Neuroscienze, Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

    330

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniDNAIn EvidenzaMalattieRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI