Disturbi del sonno: i turni di lavoro più pericolosi

Disturbi del sonno: i turni di lavoro più pericolosi

Una recente ricerca condotta dallo Sleep and Performance Research Center dell'Università di Washington ha messo in evidenza che i turni di lavoro notturni che incidono di più sui disturbi del sonno sono quelli dalle 20 alle 23

da in Benessere, Disturbi del sonno, Primo Piano, Ricerca Medica, Sonno, orologio-biologico
Ultimo aggiornamento:

    disturbi del sonno turni

    I disturbi del sonno costituiscono un problema per molti individui che si trovano a dover fare i conti con difficoltà varie legate all’addormentamento e al ciclo del sonno. La questione può essere resa ancora più grave, quando si è costretti a lavorare di notte e ad andare quindi contro il nostro orologio biologico naturale.

    Sicuramente fare un turno di lavoro notturno non aiuta per niente a combattere i disturbi del sonno, anzi si può comprendere bene come sia solito aggravare i problemi già esistenti. Ma quali sonno i turni di lavoro notturni più pericolosi in questo senso? A dare una risposta a questa domanda è stata una ricerca portata avanti presso lo Sleep and Performance Research Center dell’Università di Washington.

    Lo studio in questione ha consentito di appurare che i turni che iniziano fra le venti e le ventitré possono essere considerati più pericolosi per la salute, in quanto sono in grado di determinare un maggiore senso di affaticamento che si manifesta durante il giorno e che può influire in maniera determinante anche sul rendimento lavorativo. Si calcola che questo tipo di turni faccia perdere 4 ore di sonno al giorno, mentre minori conseguenze sembrano esserci per chi inizia a lavorare dopo la mezzanotte.

    In questo caso si perderebbe infatti soltanto un’ora di sonno al giorno, perchè si riesce a riposare di più nelle ore che precedono l’attività lavorativa.

    Infatti è molto più facile dormire da metà pomeriggio in poi perchè in questo si è favoriti dai ritmi circadiani. Per combattere i disturbi del sonno in sostanza, sarebbe meglio evitare i turni di notte, ma se proprio non si può evitarli, sarebbe meglio poter iniziare il lavoro a notte fonda, in modo da partire più riposati.

    Immagine tratta da: manifatturafalomo.it

    354

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereDisturbi del sonnoPrimo PianoRicerca MedicaSonnoorologio-biologico
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI