Disturbi alimentari e contraccezione: il cerotto è la scelta giusta

Disturbi alimentari e contraccezione: il cerotto è la scelta giusta

In caso di disturbi del comportamento alimentare, come bulimia e anoressia, la scelta contraccettiva è davvero importante: il cerotto transdermico è l’opzione più efficace

da in Alimentazione, Bulimia, Contraccezione, Farmaci, Malattie, Salute Donna
Ultimo aggiornamento:

    Disturbi alimentari, il cerotto è la contraccezione migliore

    In caso di Disturbi del Comportamento Alimentare, la scelta migliore, in termini di contraccezione, è il cerotto: quando una persona soffre di una patologia seria, come bulimia o anoressia, anche la scelta contraccettiva deve essere fatta al meglio. Il cerotto, l’opzione transdermica sembra davvero la migliore.

    Possono vantare tristemente percentuali di diffusione e di incidenza sempre più alte, complicanze e riflessi sulla salute e sulla qualità di vita devastanti: sono i Disturbi del Comportamento Alimentare, DCA, cioè la bulimia e l’anoressia. Quando il “mostro” si chiama bulimia, ci si abbuffa di cibo, si ingeriscono alimenti e bevande in modo compulsivo, per poi eliminarli con lassativi e vomito; mentre l’anoressia è caratterizzata dal rifiuto del cibo e da un conseguente calo di peso corporeo eccessivo.

    Sono più di 300 mila le donne italiane in età fertile che soffrono di questo disturbo e, si tratta di dati “ottimistici”, perché i disturbi alimentari, tra vergogna, scarsa informazione e ignoranza, spesso rischiano di rimanere avvolti dal silenzio per molti mesi.

    Quando si convive con queste malattie, si cerca di combatterle o ci si arrende ad esse, il metodo contraccettivo migliore è il cerotto. “Tanto i comportamenti di tipo anoressico quanto quelli di tipo bulimico, infatti, non solo hanno conseguenze rilevanti sul piano della salute psicofisica della donna ma possono compromettere l’efficacia del contraccettivo orale. Tra i metodi ormonali, il cerotto contraccettivo, che non richiede di essere assorbito per via gastrointestinale, risulta un metodo efficace anche in presenza di DCA“ ha spiegato la professoressa Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano.

    346

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBulimiaContraccezioneFarmaciMalattieSalute Donna
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI