Disostruzione pediatrica: manovre di pronto soccorso [VIDEO]

Disostruzione pediatrica: manovre di pronto soccorso [VIDEO]

La disostruzione pediatrica consiste in delle manovre di pronto soccorso da applicare quando un bambino ingerisce un oggetto che blocca le vie aeree

da in Apparato respiratorio, Bambini, Pronto Soccorso
Ultimo aggiornamento:
    Come soccorrere un bambino che sta soffocando

    La disostruzione pediatrica consiste nell’applicazione di specifiche manovre di pronto soccorso, per riuscire a liberare le vie aeree di un bambino, nel caso di ingestione di un corpo estraneo, che determina un’ostruzione. Si tratta di un caso che può accadere, di fronte al quale si deve essere preparati, per affrontare con tempestività la situazione, senza lasciarsi prendere dal panico. Ecco perché si deve essere consapevoli di come si deve reagire e di che cosa si deve fare, quando un bambino ingoia un oggetto che, non procedendo per l’esofago, finisce nella trachea.

    Si tratta di salvare la vita, perché l’impossibilità di respirare può portare all’anossia e quindi a conseguenze molto gravi. A volte il tutto può essere anche letale.

    Le manovre di disostruzione pediatrica rientrano nell’ambito di un protocollo internazionale, che viene rivisto ogni cinque anni ed eventualmente modificato, tenendo conto degli studi portati avanti nel frattempo e dell’esperienza.

    In Italia queste pratiche sono state diffuse, a partire dal 2005, da Marco Squicciarini, medico della Croce Rossa Italiana.

    Ostruzione parziale

    Nel caso in cui un bambino ingerisca un oggetto in grado di determinare il blocco delle vie aeree, però in modo parziale, non occorre mettere in atto nessuna specifica manovra, che si basi sulle pacche. In questi casi il soggetto, infatti, riesce a piangere, a parlare e a tossire.

    Ecco perché il soccorritore deve soltanto invitare il bambino a tossire e, se è necessario, provvedere a fornire una fonte di ossigeno.

    Ostruzione totale

    A volte può capitare che il bambino è cosciente, ma non riesce né a parlare né a tossire. In questi casi è bene chiamare subito il 118 e praticare le apposite manovre. Ci si deve porre alle spalle dell’individuo e, sostenendolo con una mano, si deve farlo chinare in avanti.

    Con l’altra mano si danno cinque pacche fra le scapole, cercando comunque di non colpire la testa. Tutte e due le mani del soccorritore vanno chiuse a formare dei pugni e devono essere messe all’altezza della bocca dello stomaco.

    In questo modo si danno cinque colpi verso l’interno e verso l’alto, applicando la cosiddetta manovra di Heimlich. Il tutto consiste in una compressione addominale, che interessa l’epigastrio, in direzione del diaframma.

    Questa azione determina l’aumento della pressione sottodiaframmatica; quest’ultima, propagandosi al torace, provoca una spinta verso le vie aeree superiori.

    Da ricordare, comunque, che questa manovra di pronto intervento deve essere praticata soltanto per i bambini che hanno superato un anno di età.

    Nel caso che l’ostruzione interessi un lattante, gli si deve afferrare la mandibola, per sdraiarlo a pancia in giù. Il neonato si ritroverà a cavalcioni sull’avambraccio del soccorritore, il quale terrà la sua testa ben ferma.

    Con l’altra mano si danno cinque pacche interscapolari. Poi si afferra la nuca del bambino e lo si fa sdraiare a pancia in su, sull’altro avambraccio. Si effettuano cinque compressioni toraciche lente e profonde tra i capezzoli.

    Si devono usare due dita, badando che la testa sia sempre ferma. Si alternano cinque pacche e cinque compressioni.

    Le motivazioni dei soccorritori

    Rianimazione cardiopolmonare nel bambino (prima parte)

    Rianimazione cardiopolmonare nel bambino (seconda parte)

    Rianimazione cardiopolmonare nel lattante

    Manovre di disostruzione nel bambino

    Manovre di disostruzione nel lattante

    Aspetti legali

    741

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato respiratorioBambiniPronto Soccorso
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI