Dieta Plank: come funziona, menù settimanale e mantenimento

La Dieta Plank è un regime alimentare ipocalorico e iperproteico, che consente di perdere peso e dimagrire in poco tempo mangiando, soprattutto, prodotti di origine animale. Non è considerata una dieta equilibrata e salutare, soprattutto in presenza di patologie. Come funziona la Dieta Plank? Scopriamo di più in merito, sul menù settimanale e sulla fase di mantenimento.

da , il

    Dieta cibo

    Come funziona la Dieta Plank? Il menù settimanale e la fase di mantenimento consentono di perdere peso, efficacemente e in poco tempo: la Dieta Plank è, infatti, un regime alimentare ipocalorico e iperproteico, che promette di far perdere 9 chili in soli 15 giorni. La condizione essenziale perché questa dieta abbia effetto è che vengano rispettati alla lettera i suoi principi. Sono consentiti pochi cambiamenti, perché è molto restrittiva: gli zuccheri complessi – che dovrebbero rappresentare il 45 per cento delle calorie assunte giornalmente – sono ridotti ad un solo panino; gli zuccheri semplici della frutta sono diminuiti ad una sola porzione; mentre, i grassi vegetali non vengono presi in considerazione, ma si tiene conto soltanto di quelli animali inclusi nella carne e nel pesce. È, inoltre, importante prestare attenzione a spuntini, condimenti, frutta e simili. Scopriamo di più in merito.

    Cos’è

    La Dieta Plank è una dieta lampo e, come tale, non è considerata propriamente salutare: l’improvvisa esclusione di determinati cibi dal regime alimentare può provocare alcuni problemi di salute, in special modo in chi soffre di qualche patologia.

    La Dieta Plank non è una dieta bilanciata, in quanto si tratta di un regime alimentare iperproteico, che promette di perdere ben due taglie in tempi brevi, bandendo dalla tavola sia grassi che carboidrati e inserendo, esclusivamente, proteine: ciò, ovviamente, diminuisce drasticamente l’apporto calorico giornaliero.

    Come per tutte le diete, il consiglio è, quindi, quello di contattare un medico nutrizionista, che possa consigliarvi al meglio in base al vostro stato di salute, così da evitare brutte sorprese relative alla salute.

    Trattandosi, inoltre, di una dieta lampo, è possibile perdere ben 9 chili in circa 15 giorni, ma è altamente probabile che si recuperino tutti i chili persi: questo perché è importante seguire, successivamente, una dieta sana di mantenimento, di cui farne uno stile di vita e non una moda passeggera.

    Come funziona

    La Dieta Plank è una dieta lampo, rappresentata da uno schema alimentare molto proteico: sia a pranzo che a cena sono prevalenti la carne, il pesce, le uova e il formaggio. L’apporto di fibre e di vitamine è minimo e si può ricavare da alcuni ortaggi, come le carote, gli spinaci e l’insalata, oltre che dalla frutta.

    In quasi totale assenza di zuccheri complessi e senza grassi vegetali, l’organismo attiva il metabolismo proteico per produrre energia: in questo modo, mette in atto dei processi che sono molto dispendiosi.

    Secondo l’opinione di chi segue questa dieta, la Dieta Plank funziona e i risultati dovrebbero mantenersi per due anni, a patto però che non si riprenda a mangiare eccessivamente, ma con un certo buon senso.

    La Dieta Plank prevede solo tre pasti al giorno, escludendo del tutto gli spuntini e le merende ed eliminando – come detto – molti alimenti dalla lista, tra cui pasta e grassi.

    Tale dieta, ovviamente, apporta all’organismo una quantità elevata di proteine, di molto maggiore alle raccomandazioni per una corretta alimentazione.

    Il menù

    Vediamo il menù settimanale della Dieta Plank, così come viene consigliato dagli esperti: si possono fare delle sostituzioni, anche se poche e non ci devono essere sostituzioni arbitrarie.

    GiorniColazionePranzoCena
    LunedìCaffè senza zucchero2 uova sode e spinaci poco salatiProsciutto cotto o bistecca alla griglia, contorno di insalata e sedano
    MartedìCaffè senza zucchero e un po’ di pane1 bistecca con insalata e fruttaProsciutto cotto
    MercoledìCaffè senza zucchero e un po’ di pane2 uova sode e insalata con pomodoriProsciutto cotto e insalata
    GiovedìCaffè senza zucchero e un po’ di pane1 uovo, carote crude o bollite e formaggio svizzeroFrutta e 1 yogurt magro
    VenerdìCarote, limone e caffè senza zuccheroPesce al vapore e pomodori1 bistecca con contorno di insalata
    SabatoTè con succo di limonePollo alla griglia2 uova sode e carote
    DomenicaTè con succo di limone1 bistecca alla griglia e fruttaA piacere

    Alcuni preferiscono mangiare a colazione non un piccolo panino, ma tre fette biscottate. A pranzo, un giorno a settimana, è possibile consumare del formaggio, meglio se di quelli magri come quelli spalmabili. Chi non ama mangiare le uova sode, invece, può cucinarle in un altro modo: è importante, però, che non venga utilizzato l’olio per cucinarle. Non sono, ovviamente, presenti cibi grassi, pasta, dolci e alcol e, più in generale, deve esserci una limitazione di carboidrati e zuccheri.

    Sicuramente, una regola importante è quella di bere almeno 2 litri di acqua al giorno per contrastare l’eccesso proteico e cercare di salvaguardare la salute dei reni.

    La Dieta Plank non va eseguita per oltre due settimane.

    Il mantenimento

    Per quanto riguarda il mantenimento del peso forma dopo la Dieta Plank, questo è un aspetto che non va sottovalutato, dato che si rischia di riacquistare tutti i chili persi con gli interessi.

    In linea generale, è necessario prestare attenzione alle quantità di cibo assunte e riprendere ad assumere i carboidrati a piccole dosi – così da non caricare in modo eccessivo l’organismo – oltre che l’olio extravergine d’oliva. Alcolici e dolci dovranno, però, essere evitati. I condimenti dovranno essere consumati nei limiti, ma la frutta e la verdura rappresentano ottimi spuntini. Privilegiate, inoltre, i cereali e la pasta integrale.

    Da non sottovalutare è l’importanza dell’attività fisica che, seppur non indicata nella Dieta Plank, dopo dovrà essere eseguita con regolarità.

    Le controindicazioni

    Infine, la Dieta Plank fa male? Come detto prima, si tratta di un regime alimentare non equilibrato, che può comportare gravi problemi per la salute, soprattutto per chi soffre già di alcune patologie o è in gravidanza.

    L’assunzione di uova aumenta il rischio di colesterolo cattivo e anche l’elevato apporto di proteine può provocare disturbi renali, oltre ad aumentare il rischio di cancro.