NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Dieta macrobiotica: menù ed esempio

Dieta macrobiotica: menù ed esempio

La dieta macrobiotica si basa sul principio che una corretta alimentazione permette al corpo di mantenere l'equilibrio, scongiurando l'insorgere di patologie

da in Alimentazione, Dieta, Dimagrire
Ultimo aggiornamento:

    89509247

    Cos’è la dieta macrobiotica? Quale può essere un menù tipo e un esempio di questo regime alimentare? Il termine macrobiotico deriva dal greco makros (lunga ) e bios (vita) e i principi alla base di questa dieta furono studiati da George Ohsawa nel 1800 per permettere al corpo di mantenere l’equilibrio tra i due principi che regolano l’Universo, ovvero lo Yin e lo Yang. Questo regime alimentare, infatti, parte del presupposto che tutti gli alimenti siano suddivisibili in categorie in base a delle caratteristiche precise e, pertanto, una loro corretta associazione permetterebbe all’organismo di mantenere un equilibrio perfetto. Rompere questo equilibrio vorrebbe dire esporre l’organismo ad un insieme di patologie.

    Regole ed esempio
    Un esempio di pasto macrobiotico equilibrato prevede che lo stesso sia composto per il 50% da cereali integrali in chicchi, per il 30% da verdure (sia cotte che crude), per il 10% da fonte proteica e per il restante 10% da alghe e frutta (sia fresca che secca). Vanno predilette, inoltre, le proteine vegetali come quelle dei legumi anziché quelle di carne e pesce (da assumere solo saltuariamente). Gli alimenti Yin sono i cibi acidi, quelli amari, particolarmente aromatici o molto dolci come latte e derivati, frutta, tè, spezie, ortaggi, pane bianco, carne bovina e uova. Gli alimenti Yang sono, invece, i cibi alcalini, quelli salati, poco aciduli, poco dolci o poco piccanti come pollo,pesce e alghe. Una terza categoria, infine, è composta dagli alimenti bilanciati quali cereali, vegetali freschi e legumi, che aiutano la salute del cuore.
    Menù
    Colazione
    Una tazza di tè
    Una crema di miglio o di riso con cannella ed uvette
    Biscotti di riso o una tazza di cereali
    Pranzo
    Una zuppa di miglio, di cereali o di verdure con alghe o in alternativa un piatto combinato di riso integrale lesso e proteina vegetale
    Una mela cotta, semola di mais o di grano, una gelatina di frutta fatta con alga agar-agar
    Una tazza di tè
    Spuntini
    Una tazza di tè
    Biscotti di riso con marmellata o paté vegetale
    Cena
    Una zuppa di verdure e cereali integrali
    Verdure al vapore o fresche a volontà
    Pesce o proteine vegetali (senza eccedere)
    Tra le verdure vanno prediletti i cavoli, i cavolini di Bruxelles, le cime di rapa, i ravanelli, le carote, i finocchi, lo scalogno, i fagiolini, le zucche. Il metodo di cottura delle verdure dovrebbe essere periodicamente variato (lessatura, saltatura, scottatura ecc.). Per quanto riguarda la carne bianca viene consigliato di scegliere tagli poco grassi, mentre per quanto riguarda il pesce si dovrebbero preferire i prodotti ittici di dimensione piccola o media.

    Per quel che concerne la frutta vanno preferire le mele, le albicocche, le pesche, le prugne, le pere e l’uva. Le alghe marine o spiruline per le proprietà benefiche possono essere aggiunte liberamente alla cottura dei cereali o a quella dei legumi. Vanno, infine, esclusi dalla dieta il latte e tutti i suoi derivati, quindi burro, formaggi (grassi o magri che siano).

    581

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneDietaDimagrire
    PIÙ POPOLARI