Dieta ipocalorica, alleata della salute delle ossa

Per preservare la salute delle ossa, meglio scegliere una dieta ipocalorica, povera di grassi e carboidrati, ma ricca di proteine

da , il

    Dieta ipocalorica salva ossa

    La ricetta salva ossa ha come protagonista una dieta ipocalorica, povera di carboidrati e grassi, ma ricca di proteine, e una buona dose di esercizio fisico. Proprio così, la strategia per preservare la salute delle ossa comincia a tavola, a colpi di alimentazione dal basso apporto di calorie, secondo un recente studio pubblicato sulle pagine del Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.

    Scegliere un regime alimentare povero di calorie, ma dall’alto contenuto di proteine, preferendo quelle derivanti dal consumo di latticini, e praticare regolarmente attività fisica, può garantire una buona protezione alla salute delle ossa. Il consiglio alimentare e di stile di vita è valido per tutti, ma, soprattutto, secondo i risultati della ricerca, per le donne giovani obese e in sovrappeso.

    La sperimentazione ha coinvolto, per un periodo di 16 settimane, tre gruppi di donne obese e in sovrappeso, in buono stato di salute e nel periodo della premenopausa. E’ stata combinata un’alimentazione ipocalorica, a base di latticini, e sport, allenamento aerobico e sollevamento pesi.

    “I nostri risultati dimostrano l’importanza della composizione della dieta per mantenere la salute delle ossa ed evitare danni accelerati durante la perdita di peso, grazie all’assunzione di proteine da latticini” ha osservato l’autore dello studio Andrea Josse, del Dipartimento di Kinesiology della McMaster University.

    La dieta ipocalorica, ricca di proteine garantisce, secondo i ricercatori, una maggior perdita di massa grassa, un aumento dei livelli di vitamina D e la diminuzione dei livelli dell’ormone paratiroideo che, se presente in quantità elevate è, solitamente, associato a una perdita ossea. Si preserva la salute delle ossa e, allo stesso tempo, si previene la comparsa di malattie ossee, come l’osteoporosi.